A- A+
Cronache
Gino Strada apostrofa Salvini via Twitter

Bullo, volgare e disumano”, così il solito Gino Strada fondatore di Emergency ha apostrofato il ministro dell’Interno per il suo veto allo sbarco nei porti italiani di 200 migranti della nave spagnola Open Arms.

Strada, profeta di un buonismo fatto con la bontà degli altri, non rinuncia ai suoi regalini natalizi e non trova di meglio che recitare la sua usurata parte sui palcoscenici mediatici, che in fondo ama così tanto, almeno come la figliola Cecilia Strada, fuori dall’organizzazione, nota per alcune sue delicate esternazioni come l’ormai famosissimo (quasi un cult mediatico): “non scopate con i fascisti. Non fateli riprodurre”:

http://www.affaritaliani.it/cronache/cecilia-strada-figlia-ingrata-lascia-emergency-537380.html

Ma torniamo a babbo Gino.

Che intorno ai migranti ci sia anche un business commerciale è cosa nota e del resto facilmente prevedibile, ma che poi ci sia tutta questa retorica è veramente un po’ troppo, anche per il clima “buonista” del Natale.

E porre la questione non in termini socio-economici del fenomeno migrativo è già un errore metodologico, ma scadere poi nella volgarità e negli insulti personali restituisce la cifra di come alcuni personaggi intendano la politica.

Il Ministro dell’Interno ha replicato pacatamente con un Tweet: ” Poteva mancare Gino Strada al coretto degli amici dei clandestini? Baci anche a lui”, ma resta l’imbarazzo per chi utilizza termini così forti, come quelli utilizzati da Strada (e non è certo la prima volta) e da sua figlia Cecilia.

Certo che ora con l’avvento di questo governo le cose sono totalmente cambiate e la tratta degli “schiavi del terzo millennio” è stata resa inaccessibile, almeno dall’Italia. Ma evidentemente ci sono gli irriducibili, quelli a cui è stato tolto il giochetto finanziariamente assai redditizio, ma occorre che se ne facciano una ragione. Prima o poi il popolo, con il voto, doveva reagire a quella che era diventata solo una speculazione ammantata di umanitarismo e il popolo lo ha fatto con il voto del 4 marzo. Può non piacere a Gino Strada, ma anche per la sua serenità e pace interiore, è meglio che si rassegni e torni a svolgere il suo lavoro lasciando stare la politica.

 

 

Commenti
    Tags:
    gino stradamatteo salvinicecilia strada
    Loading...
    in evidenza
    Messico 1970, la partita del secolo Quando l'Italia attaccò e vinse

    Il rigoletto

    Messico 1970, la partita del secolo
    Quando l'Italia attaccò e vinse

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic

    Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.