A- A+
Cronache
Il Noma tragica malattia della povertà che divora faccia e naso.

I 177 migranti della Diciotti, secondo quanto riferito dai medici saliti a bordo, presentano segni inequivocabili di scabbia, una malattia da noi ormai debellata.

Ma molte sono le malattie, ormai sconosciute da noi ed invece presenti in molti di quei Paesi.

Ad esempio il Noma.

Un nome che per gli europei significa ‘mangiare, ristoranti, buona cucina’ ma per la Nigeria e Paesi vicini, dal Senegal all’Etiopia, ha un ben altro significato, quello di divorare ( dal greco). Perché il Noma è una malattia drammatica, non contagiosa, di origine sconosciuta che distrugge completamente il naso in pochi giorni.

Noma, il divora naso e faccia. La malattia della povertà

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha registrato ben 140000 casi ogni anno.

Il Noma inizia con una piccola piaga all’interno della bocca e rapidamente si trasforma in una gengivite ulcerosa che distrugge muscoli, pelle e ossa, dalla bocca al naso.

E il processo oltre alla distruzione totale di naso e parte della bocca lascia addosso alle vittime un odore inimmaginabile, simile a quello della putrefazione.

Noma ,il divora faccia e naso. Unica cura gli antibiotici.

Il rimedio farmaceutico è rappresentato dagli antibiotici, merce rara da quelle parti.

Senza queste cure il 90% dei pazienti muore, mentre il restante 10% che sopravvive resta sfigurato per sempre.

La causa ? La povertà all’ennesima potenza. Vengono maggiormente colpiti i giovani più poveri delle città più povere dei paesi più poveri.

Difficile è stato per i medici riuscire a identificare queste cause anche perché  la malattia si presta ad essere valutata , da popolazioni povere e senza cultura, come proveniente da demoni oscuri e, di conseguenza, i malati devono essere nascosti e isolati il più possibile. Rappresentano una vergogna per l’intera famiglia.

 

Il primo che scoprì la terribile malattia, abbastanza comune all’epoca in Europa, fu il medico olandese Carlos Battus nel 1595. Miglioramento nelle condizioni igieniche e alimentari la fecero sparire.

Gli ultimi casi in Europa furono riscontrati nei campi di concentramento di  Bergen e Auschwitz.

Il Noma divora faccia e naso. Fra le cause la convivenza con l'allevamento e la sporcizia.

Gli attuali fattori di rischio includono la denutrizione, la mancanza di igiene orale, la povertà e la convivenza con l’allevamento.

Al momento si conoscono i microbi ( tra questi il Fusobacterio Necroforo) che provocano la cancrena ma non la causa scatenante.

 

Ma un vaccino contro quello che si definisce ‘il naso della povertà’ non è stato ancora trovato.

 

Sono tutti invece d’accordo che il Noma sia un indicatore preciso di come la globalizzazione e altri squilibri economici abbiano portato a continue violazioni degli elementari diritti umani, primo fra tutti l’alimentazione.

 

 

 

 

 

 

Tags:
povertànigeriasenegaletiopia
Loading...
in evidenza
Canalis, la lingerie è da infarto Eli sensualissima sul letto. Le foto

Diletta, Belen e... Le foto delle vip

Canalis, la lingerie è da infarto
Eli sensualissima sul letto. Le foto

i più visti
in vetrina
Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...

Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
BMW Group: verso un futuro elettrificato

BMW Group: verso un futuro elettrificato


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.