A- A+
Cronache

Continua a tremare la terra nella zona della Lunigiana, in Toscana, dove nel corso della notte ci sono state 13 le scosse di assestamento che sono state avvertite nella notte fra le province di Massa e Lucca, dopo la prima di magnitudo 5.2 di ieri alle 12.33 che ha interessato tutto in nord Italia.

CLICCA QUI PER LA CRONACA DEGLI EVENTI

 

"Un terremoto distruttivo presto potrebbe abbattersi sull'Italia": nei giorni scorsi un noto sismologo italiano, Marco Mucciarelli, insegnante universitario di Sismologia Applicata alla Scuola di Ingegneria nell'Università della Basilica, fisico e direttore nell'Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale ha lanciato un allarme su Internet. Il terremoto non è stato distruttivo, ma si è verificato davvero, con epicentro vicino a Massa Carrara.

terremoto 2905 500Il sisma del 2012Guarda la gallery

Ma vediamo come sono andate le cose. Mucciarelli ha basato la sua previsione sull'analisi dell'andamento delle scosse che si sono succedute nel corso degli anni, con magnitudo superiore a 6,3 gradi: se ne contano cinquantanove dall'anno 1100 a oggi, anche se molti potrebbero non essere giunti fino a noi.La scossa di oggi, però , si è attestata intorno ai 5,4 gradi della scala Richter. La media delle scosse di terremoto si aggira intorno a una ogni quindici anni e sembrerebbe che dall'ultima scossa rilevata, a oggi siano passati ben trentatré anni, da quando tremò l'Irpinia nel 1980. Quindi è passato più del doppio rispetto alla solita media e ci stiamo avvicinando al più lungo tempo mai trascorso tra due potenti scosse, infatti il massimo è stato di trentotto anni, dal terremoto del 1930 in Irpinia, a quello del 1968 in Belice.

Non è possibile dire con esattezza il luogo e la data dell'evento, ma il Fisico italiano ritiene che un terremoto di queste dimensioni è ormai prossimo a giungere sul nostro Paese e quindi non bisogna farsi cogliere impreparati. Ha anche aggiunto che le zone più a rischio per questo tipo di fenomeno così intenso saranno quelle del sud Italia molto probabilmente, infatti è là che si verificano i maggiori sismi. La possibilità di terremoto si aggira intorno al 30%, poiché la media attesa è di uno ogni quattro anni e il 60% delle scosse si verifica nel Sud. Dopo il terremoto di oggi a mezzogiorno nel centro-nord italia, c'è da sperare che il fenomeno non si ripeta con più intensità e in altre regioni.

 

IMG 5688Immagini delle attività dei ragazzi presso il centro La LucciolaGuarda la gallery

 

Tags:
terremotoprevistosismologo mucciarelli
in evidenza
Paragone, picconate a Burioni "Ti ho denunciato e...". VIDEO

Politica

Paragone, picconate a Burioni
"Ti ho denunciato e...". VIDEO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.