A- A+
Cronache

 

ilva fumi

L'Ilva ha chiesto oggi la cassa integrazione per oltre 6mila lavoratori. Lo si apprende da fonti sindacali.

Ammonta a 6.417 unità la cassa integrazione chiesta dall'Ilva per lo stabilimento di Taranto. La cig, a qunto si è appreso, sarebbe così distribuita fra le varie aree produttive: produzione ghisa 957 addetti, acciaierie 940, laminazione 1574, tubi e rivestimento 607, servizi di staff 1249, manutenzioni 1090. La cassa decorrerebbe dal 3 marzo e sarebbe straordinaria per 24 mesi.

Il 2 marzo all'Ilva terminano sia la cassa in deroga chiesta per due mesi, gennaio-marzo, per 1396 unita', sia la cassa ordinaria per crisi di mercato chiesta per un massimo di 1400 unita' a meta' novembre. Giovedi' ci sara' un incontro alle 10 al ministero del Lavoro.

Tags:
ilvacigtarantocassa integrazione
in evidenza
"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari

La kermesse a Ceglie dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari


in vetrina
Scatti d'Affari GAP a Milano, chiude il negozio dopo 12 anni. Giù la serranda dal 7 ottobre

Scatti d'Affari
GAP a Milano, chiude il negozio dopo 12 anni. Giù la serranda dal 7 ottobre





casa, immobiliare
motori
Dodge svela la Charger Daytona SRT Concept elettrica

Dodge svela la Charger Daytona SRT Concept elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.