A- A+
Cronache
carcere6

Siccome e' un detenuto, dovra' pagare l'Imu sulla seconda casa su entrambe le proprieta' che possiede, perche' la sua residenza e' considerata quella del carcere di Bollate (Milano). Succede a Monvalle, in provincia di Varese. Qualche settimana fa, infatti, l'ufficio tributi ha chiesto a un detenuto, proprietario di due appartamenti, di pagare l'Imu sulle sue proprieta' come se fossero entrambe seconde case, in quanto la residenza su cui ha diritto all'esenzione viene considerata il carcere.

La sorella del detenuto, in carcere per reati minori, dopo aver ricevuto l'avviso per il pagamento dell'Imu si e' rivolta all'Associazione per la giustizia in Italia. Secondo l'associazione si tratta "di una richiesta di pagamento erroneamente inviata sul presupposto che la residenza anagrafica del detenuto corrisponda all'indirizzo del carcere, quando in realta' l'indirizzo di residenza anagrafica corrisponde all'ultima abitazione occupata prima della carcerazione".

Tags:
imucellacasa
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Ford Bronco sbarca in Europa

Ford Bronco sbarca in Europa


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.