A- A+
Cronache
Invitalia, Visco jr patteggia due anni per corruzione. Ha ammesso le sue colpe
Gabriele Visco

Invitalia, Visco jr ammette tutto: due anni per corruzione e traffico di influenze

Gabriele Visco ha deciso di ammettere le sue responsabilità e ha patteggiato due anni di condanna per corruzione. Il 52enne figlio di Vincenzo, ex ministro delle Finanze nei governi Prodi e D’Alema, era finito agli arresti domiciliari a febbraio per un presunto giro di favori sfruttando il suo ruolo di manager di Invitalia. Visco, accusato anche di traffico di influenze, - riporta Il Corriere della Sera - ha ammesso le proprie responsabilità e fornito nuovi spunti investigativi al pm, accedendo così ai benefici della pena concordata.

Leggi anche: Liguria, Toti chiede di vedere Lupi e Salvini. Vuole tornare a far politica

Agli atti - prosegue Il Corriere - ci sono i tentativi di Visco di entrare nelle grazie delle alte gerarchie vaticane tramite la ristrutturazione di chiese ed edifici religiosi col super bonus e quelli di agganciare, senza riscontri che ci sia riuscito, il ministro al Made in Italy, Adolfo Urso. Visco era entrato nell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa sotto la gestione di Domenico Arcuri, l'ex commissario per l'emergenza Covid. Nelle intercettazioni finite agli atti dell'inchiesta, Gabriele Visco parlava in codice, "portatemi la pasta" secondo i pm era un modo per farsi portare i soldi delle presunte mazzette.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti

Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti





motori
Fiat 500e Giorgio Armani: l’icona del Made in Italy

Fiat 500e Giorgio Armani: l’icona del Made in Italy

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.