A- A+
Cronache
L'anarchico Cospito resta in carcere, rigettata la richiesta dei domiciliari

Alfredo Cospito resta in carcere, non andrà ai domiciliari

I giudici del tribunale della Sorveglianza di Milano hanno rigettato la richiesta di differimento pena “per motivi di salute” per Alfredo Cospito, l'anarchico in sciopero della fame dal 20 ottobre scorso per protestare contro il regime del 41 bis.

La difesa, rappresentata dall’avvocato Flavio Rossi Albertini, chiedeva che il detenuto possa scontare la sua pena ai domiciliari, a casa della sorella.

Con l'ordinanza depositata i giudici hanno respinto anche la richiesta della difesa di disporre ''in via permanente la collocazione del detenuto nell'attuale reparto di medicina protetta'' dell'ospedale San Paolo di Milano.

"La strumentalità della condotta che ha dato corso alle patologie oggi presenti è assolutamente certa, al pari della motivazione che ha indotto la forma di protesta e che non rileva in alcun modo in questa sede, preposta alla valutazione della compatibilità dello stato detentivo con la condizione sanitaria". Lo scrivono i giudici del tribunale di Sorveglianza di Milano.

I giudici hanno respinto la richiesta di domiciliari così come un suo ricovero permanente nel reparto dell'ospedale San Paolo, perché la detenzione "non si palesa neppure astrattamente confliggente con il senso di umanità della pena, avuto riguardo alle condizioni oggettive del Cospito, che certamente precarie e a grave rischio - soprattutto di complicanze cardiologiche, neurologiche e metaboliche - sono il frutto di una deliberata e consapevole scelta sulla quale permane 'un discreto compenso cardio-circolatorio' e - attraverso l'ubicazione nel reparto ospedaliero dove si trova - il più attento monitoraggio clinico concepibile".

Il collegio non può quindi, in adesione agli orientamenti della Corte Suprema e alla stessa giurisprudenza dello stesso tribunale, che respingere l'istanza.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cospitodomiciliari
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

MediaTech

Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14


in vetrina
A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova





motori
Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.