A- A+
Cronache
bertolaso4

Terremoto dell'Aquila, spuntano nuove intercettazioni dell'allora capo della Protezione Civile Guido Bertolaso. Dialoghi dei primi giorni dopo il sisma che devastò l'Abruzzo il 6 aprile 2009. Dalle conversazioni si evince che le autorità avevano ben chiara l'entità del disastro, ma che decisero di utilizzare l'emergenza a fini propagandistici. Tra l'8 e il 10 luglio, infatti, si svolse proprio nel capoluogo abruzzese il G8.

L'8 novembre del 2009, al telefono con l'allora sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, Bertolaso, mentre dichiarava ai giornalisti che per ricostruire il centro città "servivano dai cinque ai 10 anni", ha affermato: "Sono contento che Berlusconi venga ma il centro storico de L'Aquila non si può ristrutturare, è tutto inagibile. Non deve dire rimettiamo gli abitanti tra 28 mesi perché è un massacro. Ti dico la verità, li mettiamo tra 28 anni".

Il tutto proprio nei giorni in cui è scoppiato il 'caso Iurato', l'ex prefetto de L'Aquila, destinataria di un provvedimento d'interdizione dai pubblici uffici emesso dal gip perché, come hanno scritto i magistrati, "scoppiava a ridere ricordando come si era falsamente commossa davanti alle macerie e ai bimbi rimasti orfani".

Tags:
l'aquilaricostruzionebertolaso

i più visti




casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.