A- A+
Cronache

Piero Maso, dopo 22 anni di carcere, ha lasciato oggi il penitenziario di Opera, nel milanese, per tornare ad essere un uomo libero. In un libro, che uscira' domani nelle librerie per i 'tipi' della Mondadori, "Io ero il male", racconta la sua storia, l'omicidio dei genitori, la sua vita, il carcere. Alle spalle si lascia 22 anni di reclusione dei 30 a cui era stato condannato per l'omicidio, il 17 aprile 1991 nella sua casa di Montecchio di Crosara in provincia di Verona, dei genitori: Antonio Maso (56 anni) e Mariarosa Tessari (48). L'omicidio a suo tempo fece molto scalpore proprio per la ferocia del gesto, la premeditazione e l'assenza di motivazioni. O meglio proprio per le motivazioni: semplicemente intascare l'eredita'.

Il delitto era stato pianificato da tempo, ed era stato preceduto da ben tre tentativi falliti. Ma nulla faceva presupporre quanto accaduto quella sera di aprile, quando Pietro Maso, che non aveva problemi psicologici e neanche un rapporto particolarmente tormentato con i genitori, li massacra, con l'aiuto di tre complici, Giorgio Carbognin, Paolo Cavazza (entrambi diciottenni), e Damiano Burato (all'epoca ancora minorenne). La situazione precipita quando Giorgio, che aveva ottenuto un prestito in banca di 24 milioni di lire per comprarsi un'auto, decide di sperperare quel gruzzoletto insieme a Pietro, per fare la 'bella vita'. Al momento della restituzione, Pietro, allora, decide di staccare un assegno del conto intestato alla madre, imitandone la firma e consegnando cosi' 25 milioni all'amico. Il delitto deve quindi essere messo in atto prima che la signora Rosa si accorga dell'ammanco. Avviene nella notte tra 17 e il 18 aprile 1991. Quella sera Maso, Carbognin, Cavazza e Burato si ritrovano in un bar di Montecchia. Un loro amico, Michele, e' informato del progetto affinche' ne prenda parte, ma crede che i quattro ragazzi stiano scherzando, e li riaccompagna a casa.

La perizia psichiatrica sanci' la sanita' mentale per tutti gli imputati. Nulla lasciava presupporre nella vita del giovane Maso, ultimo di tre fratelli, la 'ferocia' di quell'omicidio. Questo almeno fino a circa un anno prima del delitto, quando diciannovenne, lascia gli studi di agraria, fa dei lavoretti saltuari e insoddisfacenti, che lascia presto per dedicarsi alle uscite serali, al divertimento nei locali notturni e al gioco d'azzardo. I precedenti tentativi, scoperti casualmente dalla signora Tessari, la insospettirono ma solo al punto da farle chiedere spiegazioni al figlio. Certo mai avrebbe pensato che stava premeditando di fare fuori lei e suo marito. E poi Pietro aveva sempre la risposta pronta. Un giorno, Mariarosa trovo' due bombole di gas in cantina e dei vestiti ammucchiati nel camino. Mandare a fuoco la villetta, facendo esplodere le bombole. Questo era il piano. Pietro candidamente disse che servivano per alimentare delle stufe in vista di una festa. Il colpo ando' a vuoto perche' le manopole delle bombole erano rimaste chiuse. Altri due tentativi, nei quali Giorgio Carbognin avrebbe dovuto colpire a morte i genitori di Maso, andarono a vuoto, solo perche' il ragazzo all'ultimo momento non ebbe il coraggio. Lo ha avuto, infine, Pietro.

Poco dopo le 23, arrivano genitori di Pietro, entrano con l'auto dal garage. Antonio accende la luce ma si accorge che manca la corrente. Cosi' sale le scale per raggiungere, al primo piano, il contatore. Arrivato in cucina, viene subito colpito dal figlio, armato di un tubo di ferro. Damiano lo colpisce a sua volta con una pentola. Poco dopo arriva Mariarosa e viene aggredita da Paolo e Giorgio, armati rispettivamente di un bloccasterzo e un'altra pentola. La madre di Pietro non muore sul colpo. Ed e' il figlio che interviene per 'finirla': cerca di soffocarla mettendole in gola del cotone e chiudendole la faccia in un sacchetto di nylon. Nel frattempo Paolo si accanisce contro Antonio Maso premendogli il piede sulla gola. Questo finche' i due non muoiono. Poi Pietro e Giorgio, per crearsi un alibi, se ne vanno in discoteca. Quando rientra da l'allarme. La prima pista e' un delitto a scopo di rapina. Ma presto l'atteggiamento 'tranquillo' del giovane insospettisce gli investigatori. E poi c'e' la storia dell'assegno. Una delle sorelle, Laura si accorge dell'uscita di 25 milioni dal conto della madre e trova, lo stesso giorno, la firma falsa di Rosa Tessari e la scritta della cifra per esteso sulla rubrica telefonica di casa. Pietro viene messo sotto torchio e dopo due giorni confessa tutto. Dopo di lui, anche i tre amici. Tutti vengono arrestati per omicidio volontario, accusa che a chiusura d'istruttoria diventera' duplice omicidio volontario premeditato pluriaggravato. La sentenza viene emessa nel 92 e successivamente confermata dalla Corte di cassazione: a Pietro Maso vengono dati 30 anni e 2 mesi di reclusione. Cavazza e Carbognin a 26 anni. Mentre Burato, non ancora diciottenne, viene condannato a 13 anni.

Tags:
pietro masoomicidio
in evidenza
Ufficiale: esiste un'anti-Ferragni. Si chiama Aurora Baruto e ha 4 mln di follower

GUARDA LE FOTO

Ufficiale: esiste un'anti-Ferragni. Si chiama Aurora Baruto e ha 4 mln di follower

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
BMW M3 Touring: la supersportiva per tutti i giorni

BMW M3 Touring: la supersportiva per tutti i giorni


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.