A- A+
Cronache
Le tesi LGBTQ irritano anche le donne, siamo costretti alla difesa dell'ovvio

Il significato era che mentre è biasimata una bianca che si spaccia per nera non si può criticare un maschio che si spaccia per femmina o viceversa. Questo gli valse la qualifica di “transofobo”. Per capire quello che è successo occorre capire che dentro il progressismo mondiale LBGTQ+ e chi più ne ha più ne metta vige un clima di terrore “normofobo” e cioè non si può esprimere più alcuna opinione che sia diversa da quella del mainstream senza incorrere nella gogna social.

Una atmosfera mefitica e antidemocratica che per fortuna da noi è stata arginata col blocco del cosiddetto illiberale decreto Zan. Anche recentemente c’è stata una forte polemica tra Luana Zanella dei Verdi e Sinistra italiana che ha votato con il centro – destra per rendere “reato universale” il cosiddetto “utero in affitto” o maternità surrogata. Ne avevamo parlato qui:

Questo perché ormai è del tutto evidente che le rivendicazioni LGBTQ+ vanno a discapito di quelle delle donne ed in ispecie delle femministe anche di sinistra. Ormai siamo costretti alla difesa dell’ovvio contro le farneticazioni antiscientifiche di una minoranza violenta. Aveva proprio ragione lo scrittore Gilbert Keith Chesterton che nel libro “Eretici” (1905) scriveva: “Fuochi verranno attizzati per testimoniare che due più due fa quattro. Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate”. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lgbt
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.