A- A+
Cronache
Lecce, ucciso mentre preleva al bancomat: colpi di pistola davanti alla moglie

Grave fatto di sangue in provincia di Lecce. Un uomo di 59 anni e' stato raggiunto da alcuni colpi di pistola e ucciso sotto gli occhi della moglie nei pressi di uno sportello bancomat in centro a Lequile, comune a nord di Lecce, lungo la via per San Pietro in Lama. I carabinieri sono sul posto per capire cosa sia accaduto di preciso, dai primi riscontri potrebbe essersi trattato di una rapina finita male.

Ma la ricostruzione dei fatti e' ancora frammentaria. Unica testimone la moglie dell'uomo che si trovava in macchina mentre il marito preleva denaro. Due balordi gli si sono avvicinati, qualcosa e' andata male, forse il cinquantanovenne ha provato a difendere quanto aveva appena prelevato e la situazione e' degenerata nel peggiore dei modi. Inutili i soccorsi. Il malcapitato, originario di Monteroni di Lecce, una che non aveva mai avuto problemi con la giustizia -ragion per cui pare possa escludersi sin d'ora la pista del regolamento di conti- e' stato colpito senza che potesse avere la possibilita' di difendersi. Indagano i carabinieri della locale stazione, i colleghi del comando provinciale e del nucleo investigativo 

Omicidio al bancomat, la vittima e' un ex direttore di banca

E' Giovanni Caramuscio, 69 anni, ex direttore di banca in pensione, l'uomo ucciso a colpi di pistola nella tarda serata di ieri. a Lequile, piccolo comune a sud di Lecce. L'uomo si era recato allo sportello bancomat della filiale del Banco di Napoli, in via San Pietro in Lama, dove sarebbe stato raggiunto da due persone, forse per un tentativo di rapina. Dalla pistola impugnata da uno dei due sconosciuti sarebbero partiti diversi colpi calibro 7.65. I due sono poi fuggiti a piedi facendo perdere le loro tracce. Caramuscio era giunto nei pressi dello sportello bancomat in macchina insieme alla moglie che e' rimasta nell'abitacolo. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di San Pietro in Lama che hanno avviato le indagini che potrebbero avvalersi delle immagini eventualmente riprese dalla telecamere di videosorveglianza della zona.

Omicidio davanti al bancomat a Lecce, c'e' un sospettato

Un uomo e' stato condotto in caserma a Lecce, sospettato di essere uno degli autori dell'omicidio di Giovanni Caramuscio, 69 anni di Monteroni, freddato ieri sera a colpi di pistola davanti a un bancomat. Il sospettato, con precedenti, sta rispondendo alle domande dei carabinieri che stanno cercando di capire cosa sia realmente accaduto ieri sera a Lequile. Testimone dell'omicidio la moglie della vittima, che attendeva in macchina che il marito prelevasse denaro allo sportello. I racconti della donna sono confusi a causa del forte choc subito. La vittima era un ex carabiniere, divenuto direttore di banca dopo essersi congedato.

Commenti
    Tags:
    leccebancomat
    in evidenza
    Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

    Striscia la Notizia, sexy veline

    Giulia Pelagatti... a tutto sport
    Talisa Ravagnani, ex star di Amici

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico





    casa, immobiliare
    motori
    Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

    Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.