A- A+
Cronache
ambulanza 500

L'ennesima tragedia, l'ennesimo femminicidio. Questa volta succede a Civitanova Marche, in provincia di Macerata. Un uomo di 76 anni è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di essere il responsabile dell'assassinio della sua ex moglie. Erano da tempo separati e si erano più volte scontrati per motivi economici. Lui l'aveva minacciata più volte. Ma questa volta c'è qualcosa di diverso: le parole della figlia dell'assassino. La donna ha difeso il genitore killer: "Era disperato, non è un femminicidio".

Graziano Palestini, 76 anni, e' stato arrestato dai carabinieri di Civitanova Marche, in provincia di Macerata, con l'accusa di essere il responsabile dell'assassinio della sua ex moglie, Maria Pia Bigoni, 66 anni. L'omicidio e' avvenuto martedì mattina alle 3 in via Mameli. Secondo quanto appreso, la donna, in bicicletta, si stava recando alla prima asta del pesce del mattino, quando e' stato aggredita e accoltellata. La donna e' morta dopo il ricovero in ospedale. Pare che la separazione sia stata quantomai burrascosa e che i due avessero frequenti e furibondi litigi, il più delle volte legati a motivi economici.

"Se non mi dai 220 mila euro ti ammazzo", avrebbe detto Palestini alla ex moglie. In altre due occasioni l'aveva aggredita e poer questo l'uomo era stato sottoposto al divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna. Ma fa sensazione la dichiarazione della figlia della coppia. "Non è un femminicidio, era disperato ed esasperato dai continui litigi". 

Tags:
maceratafemminicidiofiglia

i più visti




casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.