A- A+
Cronache
Matteo Renzi e il mistero dell'acconto da 400mila euro per acquistare la villa

Matteo Renzi e la villa milionaria. Detto così, sembrerebbe il titolo di un film, un film dal finale a sorpresa. Già, perché lo scoop della Verità, quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, e soprattutto la risposta dell'ex segretario dem hanno lasciato più interrogativi che risposte.

Intendiamoci, nessuno si stupisce che un ex presidente del Consiglio ed ex sindaco di una città come Firenze possa permettersi di accendere un mutuo per l'acquisto di una villa. La questione tuttavia nasce nel momento in cui tale ex presidente del Consiglio ed ex sindaco va in Tv poco prima delle elezioni a esibire  orgoglioso un conto corrente con un saldo di "soli" quindicimila euro, dimostrando così di non essersi arricchito con la politica. 

Questo sfoggio di virtù dal sapore piuttosto "grillino", tuttavia, stride con quell'acconto di 384.141 euro, ovvero la somma che - divisa in quattro assegni circolari del Banco di Napoli - è stata anticipata quale caparra per l'acquisto della suddetta villa in via Tacca a Firenze.  

Scrive Massimo Malpica sul Giornale: "Ieri l'ufficio stampa [di Renzi] ha smentito che ci sia già stato un acquisto, e tantomeno una vendita della villa di famiglia a Pontassieve. Ma non è un dato messo in discussione da Giacomo Amadori e dalla Verità che quello siglato con i proprietari della villa dal notaio fiorentino Michele Santoro sia solo un preliminare d'acquisto. Semmai, vista la conferma che la villa di Pontassieve è ancora di proprietà del rottamatore, viene da farsi qualche domanda sulla provenienza di quei 384.141 euro in più nella disponibilità di Matteo rispetto allo show televisivo. Possibile che il suo conto sia cresciuto di 76mila euro al mese da gennaio a giugno?".

Certo, potrebbe essere denaro di Agnese Landini, moglie dell'ex premier, e non vi sarebbe nulla di male. Così come non v'è nulla di male nell'acquisto di un immobile, seppur per una somma milionaria. Ma nel mirino non c'è la villa, né i suoi 11,5 vani, né la somma necessaria per comperarla. Nel mirino c'è ancora una volta la comunicazione di Matteo Renzi, che da anni ormai non ne imbrocca più una e, per amor di stamburate, finisce per "inguaiarsi" da solo. Tanto che, nel Pd, sono in molti a commentare: "Ma chi glielo ha fatto fare di andare a Matrix a parlare del suo conto corrente?". 

Eh sì, chi gliel'ha fatto fare? Forse la vicinanza delle elezioni politiche e l'intenzione di dare un'immagine "francescana" di sé, rincorrendo i grillini. Peccato però che, come sempre accade, il 4 marzo l'elettorato abbia poi scelto gli originali e non l'imitazione. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
matteo renzivilla di renziconto correnteacconto
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari

CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari





casa, immobiliare
motori
Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.