A- A+
Cronache
Messina Denaro, arrestato prestanome. “Auto comprata con metodi tracciabili”
Matteo Messina Denaro

Messina Denaro, arrestato il prestanome Andrea Bonafede. Il concessionario di Palermo: ha pagato la macchina con metodi tracciabili

Il Ros dei carabinieri ha arrestato Andrea Bonafede, quello vero, 59 anni, di Campobello di Mazara. E' l'uomo la cui identità è stata utilizzata, almeno negli ultimi 12 mesi, dal boss castelvetranese Matteo Messina Denaro. Bonafede è accusato di associazione mafiosa. Il provvedimento è stato disposto dal gip di Palermo su richiesta del procuratore capo Maurizio de Lucia e dell'aggiunto Paolo Guido.

Le indagini proseguono per ricostruire la rete di favoreggiatori che in questi decenni hanno fornito aiuto al boss latitante. Sabato il ritrovamento di una Alfa Romeo Giulietta ha messo gli investigatori su nuove piste.

"Ha pagato con metodi tracciabili Si certo, ha pagato con metodi tracciabili come prevede la legge", ha dichiarato il concessionario di Palermo conversando con i cronisti della Rai che lo hanno rintracciato davanti alla rivendita in cui il boss Matteo Messina Denaro ha comprato l'Alfa Romeo Giulietta ritrovata dai Ros sabato.

Messina Denaro, figlio autista boss: non l'ho mai visto

"Questa è casa mia e il garage è mio: io non l'ho mai visto. Io non l'ho mai incontrato", ha detto Vincenzo Luppino, uno dei figli di Giovanni Luppino, autista di Matteo Messina Denaro, rispondendo ai giornalisti davanti alla casa di Campobello di Mazara alla domanda se avesse mai visto il boss. "Non ho mai visto quella macchina nel mio spazio (l’Alfa Romeo Giulietta ritrovata ndr)", ha aggiunto rispondendo alla domanda se avesse mai visto l'auto del super latitante parcheggiata nel garage.

"Mio padre ha già fornito la sua versione durante l'interrogatorio e io credo a quanto ha detto". Continua Vincenzo Luppino davanti il magazzino di via B a Campobello di Mazara che oggi pomeriggio la Polizia scientifica sta perquisendo. Il locale è di Luppino che, con la moglie, vive nell'appartamento a fianco. "Io non conosco Matteo Messina Denaro e non l'ho mai incontrato - ha detto - noi siamo una famiglia di lavoratori che si spaccano la schiena ogni giorno a lavorare". Sul posto è anche arrivato il fratello Antonino. Giovanni Luppino, autista del boss Matteo Messina Denaro, arrestato lunedì scorso nei pressi della clinica La Maddalena, insieme ai due figli da alcuni anni gestisce un centro di ammasso e commercializzazione di olive da mensa proprio a Campobello di Mazara. I Luppino fanno da intermediari con i grossisti del Napoletano che poi comprano le partite di olive.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mafiamessina denaro
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici





motori
Jeep Wrangler 2024 e 4xe, debutta la campagna globale “Famous for Freedom”

Jeep Wrangler 2024 e 4xe, debutta la campagna globale “Famous for Freedom”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.