A- A+
Cronache
Strage di migranti i morti erano 180, non 30

"Sul barcone eravamo in 750, ci siamo salvati in 569, gli altri 181 sono morti, molti annegati. Tanti accoltellati nella stiva, non volevano farli uscire perché in coperta non c'era più spazio". E' la tragica testimonianza di un migrante, riportata da Repubblica. E c'è chi attacca il Mare Nostrum di Renzi. "I morti continuano ad aumentare".

La tragedia di sabato scorso assume dunque proporzioni peggiori di quello che sembrava. Finita malissimo la traversata su un barcone che stava affondando a 65 miglia da Lampedusa. I superstiti sbarcati a Messina, come ha spiegato Repubblica, raccontano un'altra storia: "Su quel barcone eravamo in 750, ci siamo salvati soltanto in 569, gli altri 181 sono morti, molti annegati quando ci siamo avvicinati al mercantile danese Torm Lotte che ci stava aiutando. E tra loro c'erano molti bambini. Molti di quelli che hanno trovato nella stiva, tutti "neri", sono stati accoltellati, uccisi da altri "neri" che non volevano farli uscire perché in coperta non c'era più spazio: ogni centimetro di quell'imbarcazione era occupata da tutti noi accatastati come bestie, uno sopra l'altro e con tanti bambini e tra questi anche mio figlio Mohamed, di un anno", racconta al quotidiano un siriano.

Tags:
migranti
in evidenza
Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social

Le foto da urlo della fidanzata di Greg Paltrinieri

Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile





motori
Opel lancia la linea di accessori per Astra e Astra Sports

Opel lancia la linea di accessori per Astra e Astra Sports

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.