A- A+
Cronache

Le nuove dichiarazioni sull'orario di ritrovamento del corpo di Aldo Moro, nella giornata del 9 maggio 1978, rilasciate da due antisabotatori artificieri sono al centro di un'ulteriore inchiesta della procura di Roma. Il procedimento e' affidato al pm Luca Palamara.

I due antisabotatori hanno spostato l'orario del ritrovamento del corpo dello statista della Dc Aldo Moro, all'interno di una Renault 4 parcheggiata in via Caetani, alle 11 del 9 maggio del 1978. La telefonata delle Brigate Rosse che indicava la presenza del cadavere avvenne, invece, alle 12 e 30. La nuova inchiesta della procura di Roma dovra' chiarire anche se corrisponde a verita' quanto affermato dai due artificieri in merito alla presenza dell'allora ministro dell'Interno, Francesco Cossiga, in via Caetani alle ore 11 dopo il ritrovamento del corpo. Il pubblico ministero Luca Palamara convochera' nei prossimi giorni i due antisabotatori. Nelle scorse settimane la procura di Roma ha aperto un'altra inchiesta sulla morte di Aldo Moro, in seguito alla presentazione da parte dell'ex giudice istruttore Ferdinando Imposimato di un esposto nel quale sostiene che la morte di Moro poteva essere evitata: il covo br di via Montalcini, secondo due militari, era gia' sorvegliato da tempo.

Tags:
morogialloinchiesta
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.