A- A+
Cronache
Ndrangheta, "banca" parallela per gli imprenditori: 17 arresti

Un "sistema creditizio parallelo" attraverso il quale le cosche della ndrangheta erogavano presiti a tassi usurari a imprenditori calabresi e lombardi in difficolta' finanziarie. Lo hanno ricostruito i carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Reggio Calabria, in collaborazione con personale della Dia.

I militari stanno eseguendo nelle province di Reggio Calabria e Milano un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria nei confronti di 17 indagati per associazione di tipo mafioso, usura, estorsione, esercizio abusivo dell'attivita' creditizia e intestazione fittizia di beni, aggravati dalle finalita' mafiose. Disposto il sequestro di beni aziendali e quote societarie per un valore di 8 milioni di euro. Al centro delle indagini del Ros, "le sinergie criminali instauratesi tra le cosche ndranghetiste reggine e rosarnesi per la gestione delle risorse finanziarie provenienti dalle attivita' illecite".

Tags:
ndranghetabancaimprenditori
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.