A- A+
Cronache
'Ndrangheta: dal turismo ai boschi, i nuovi affari delle cosche

Dal settore turistico al settore boschivo, dal movimento terra alle acquisizioni immobiliari, dal traffico di droga al riciclaggio per arrivare anche alle truffe all’Inail e agli ormai immancabili rapporti con politici e pubblici amministratori “infedeli”.

Erano questi i campi di interesse della cosca Anello-Fruci dominante a cavallo tra le province di Catanzaro, nell’area del Lametino, e di Vibo Valentia, cosca disarticolata dalla maxioperazione “Imponimento” eseguita dalla Guardia di Finanza con il coordinamento della Dda guidata dal procuratore Nicola Gratteri. 

'Ndrangheta: i nuovi affari delle cosche

Il blitz, che ha portato all’emissione di 75 misure cautelari e che vede sotto indagine 158 soggetti, ha svelato le proiezioni internazionali della cosca Anello-Fruci all’estero, con un forte radicamento in Svizzera.

L'operazione infatti è nata da una complessa attività investigativa, lunga 4 anni, coordinata dalla Procura distrettuale antimafia di Catanzaro e dalla Procura della Confederazione Elvetica, con l’impiego di 720 finanzieri e di appartenenti alla Polizia Federale Svizzera, confluiti in una squadra investigativa comune presso Eurojust.

L’esito del blitz è stato presentato in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il procuratore capo della Dda di Catanzaro, Nicola Gratteri, il procuratore aggiunto Vincenzo Capomolla, il comandante regionale della Guardia di Finanza, generale Fabio Contini, il comandante dello Scico della Gdf, Alessandro Barbera, il comandante provinciale della Guardia di Finanza di Catanzaro, generale Dario Solombrino, e il comandante del Nucleo di polizia economica della Guardia di Finanza, colonnello Carmine Virno.

Le indagini, che hanno beneficiato di puntuali dichiarazioni di ben 29 collaboratori di giustizia, hanno consentito di delineare i profili di una cosca, quella degli Anello-Fruci, assurta al rango di “locale”, al cui vertice – hanno riferito gli investigatori – si poneva Rocco Anello, non colpito dalle odierne misure cautelari perché già in carcere, affiancato nella guida della consorteria dal fratello Tommaso e da Giuseppe e Vincenzino Fruci.

Molteplici, i rapporti accertati dagli inquirenti della cosca con altre potenti cosche, come i Mancuso di Limbadi, i Bonavota di Sant’Onofrio, i Tripodi e Lo Bianco di Vibo Valentia, gli Accorinti di Zungri, gli Iozzo Chiefari di Chiaravalle Centrale, i Bruno di Vallefiorita, i Trapasso di San Leonardo di Cutro. Documentiati inoltre dagli inquirenti “summit mafiosi”, tra gli esponenti di vertice della cosca Anello-Fruci e leader di altri gruppi come gli stessi Mancuso. 

Mafia: dal turismo ai boschi

In conferenza stampa, gli investigatori hanno illustrato i settori nei quali la cosca Anello-Fruci esercitata un “controllo total”, da qui il nome dell’operazione “Imponimento”: due in particolare erano i “core business” del sodalizio, il settore turistico “attraverso una profonda infiltrazione all’interno di alcune delle più importanti realtà della fascia tirrenica del territorio di azione” e l’imposizione delle guardianie, anche a gruppi di rilievo nazionale, e lo sfruttamento del settore boschivo, “attraverso l’imprenditore di riferimento, Nicola Monteleone, uomo di fiducia di Rocco Anello, che aveva creato un collaudato meccanismo collusivo di rotazione nell’aggiudicazione delle gare relative agli appalti boschivi, posto in essere attraverso turbative d’asta e illecita concorrenza sleale, grazie all’appoggio di amministratori e tecnici comunali”.

Ma la cosca Anello-Fruci aveva in sostanza il monopolio, nel territorio di riferimento, anche del movimento terra per la costruzione di supermercati, edifici pubblici, strutture turistico-alberghiere; e aveva allungato le mani anche nel settore dello smaltimento dei materiali tossici di risulta, che – hanno spiegato gli investigatori in conferenza stampa – “venivano illecitamente sversati in aree naturalistiche protette” come il Parco delle Serre.

Tra i campi di attività illecita della cosca inoltre le truffe all’Inail, attuate attraverso un collaudato meccanismo che permetteva al sodalizio di “conseguire l’indennizzo per supposti incidenti sul lavoro dei quali veniva creata l’apparenza, anche tramite false assunzioni, o comunque per ottenere il riconoscimento di indennità in misura superiore a quella spettante”. Ovviamente, la cosca Anello-Fruci – hanno poi annotato gli inquirenti – poteva contare su una considerevole “potenza di fuoco”, al punto che è stato sequestrato, tra Calabria e Svizzera, un autentico “arsenale” composto da fucili, carabine, kalashnikov, pistole di diversi calibri e munizionamento.

Così come è stato sequestrato il “tesoro” della cosca, per un valore stimato in oltre 169 milioni di euro, composto da 124 terreni, 116 fabbricati, 26 società, 19 ditte individuali, 84 automezzi, 2 moto e diversi rapporti bancari e finanziari, detenuto sia direttamente che attraverso prestanome, il cui valore è risultato sproporzionato rispetto alle capacità economico-reddituali dei rispettivi titolari: fondamentale sotto quest’ultimo aspetto è stato il lavoro di approfondimento, da parte della Guardia di Finanza, delle segnalazioni per operazioni sospette.

Loading...
Commenti
    Tags:
    'ndranghetamafia turismondrangheta boschimafia nuovi affariaffari coschedrogariciclaggiocosca anello-frucicatanzarondrangheta catanzaro
    Loading...
    in evidenza
    Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo La piscina è bollente. Foto-Video

    GRANDE FRATELLO VIP 5 NEWS, SQUALIFICA E NOMINATION

    Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo
    La piscina è bollente. Foto-Video

    i più visti
    in vetrina
    JENNIFER LOPEZ, bikini da infarto. JLo a 51 anni fa sognare. Le foto delle Vip

    JENNIFER LOPEZ, bikini da infarto. JLo a 51 anni fa sognare. Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    L’arte viaggia su quattro ruote con DS 7 Crossback Louvre

    L’arte viaggia su quattro ruote con DS 7 Crossback Louvre


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.