A- A+
Cronache
Ndrangheta, un pentito rivela: "Volevano uccidere il figlio di Gratteri"

Nel 2013 un detenuto "mi ha raccontato del progetto per compiere un attentato al figlio del dottore Gratteri che in quel momento era stato proposto come Ministro della Giustizia (…). C'era un allarme in generale…delle persone detenute" che "temevano delle…dei processi...delle leggi più ferree (…). Specifico che non volevano spararlo ma che lo avrebbero investito con una macchina". Parole pronunciate dal collaboratore di giustizia Antonio Cataldo, 57 anni di Locri (Rc), e riportate dalla Gazzetta del Sud in un articolo a firma Rocco Muscari. La notizia del "pentimento" di Cataldo, scrive il quotidiano locale, è stata resa nota dal sostituto procuratore Giovanni Calamita, della Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria, nel corso dell'udienza del maxiprocesso "Riscatto-Mille e una notte", in corso dinanzi al Tribunale di Locri. Il pm ha depositato due verbali resi da Cataldo il 20 e 28 luglio scorsi. Dagli atti depositati dal pm Calamita emerge che il neo pentito ha iniziato il percorso collaborativo dalla mezzanotte del 7 giugno scorso, quando ha reso sommarie informazioni dalle quali sono emersi indizi di reato per l'ipotesi di associazione per delinquere di stampo mafioso nei confronti dello stesso Cataldo.

'NDRANGHETA: PENTITO, 'C'ERA UN PROGETTO PER ATTENTARE ALLA VITA DEL FIGLIO DI GRATTERI'

E' lo stesso collaboratore di giustizia, infatti, a raccontare di "aver preso parte all'articolazione territoriale denominata Locale di Loci (ed in particolare alla 'Cosca Cataldo' attiva nella suddetta Locale)". Cataldo, riporta ancora la Gazzetta del Sud, ha riferito anche di essere attualmente sottoposto al secondo grado del processo scaturito dall'operazione "Mandamento Ionico", subendo una condanna in primo grado a 8 anni di reclusione. Cataldo, davanti al pm, parla di rapporti parentali tra famiglie note e meno note che sarebbero vicine alle cosche storiche di Locri, quella dei 'Cataldo' e dei 'Cordì', nonché, sottolinea il giornalista, di conversazioni che avrebbe avuto, mentre era recluso con altre persone e, in particolare, ha raccontato che nel 2013 un altro detenuto, anche questo originario di Locri. "mi ha raccontato del progetto per compiere un attentato al figlio del dottore Gratteri che in quel momento era stato proposto come Ministro della Giustizia". 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ndranghetagratteri
    in evidenza
    Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

    Che cosa accadrà il prossimo anno

    Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
    Nostradamus, le profezie 2022

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre





    casa, immobiliare
    motori
    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.