A- A+
Cronache
"Niente chemio, c'è la festa del patrono". Che beffa per i malati di Treviso

Treviso, tutti i medici in processione: niente cure ai malati. Il caso

Scoppia la rabbia dei malati oncologici a Treviso, beffati dalla festa patronale di San Liberale, che per ironia della sorte è proprio dedicata agli ammalati e i fragili. A Treviso - si legge sul Giornale - non ci si può curare durante la festa del santo patrono. Soprattutto se cade il 27 aprile, perfettamente a cavallo tra il 25 e i primo maggio, l'ideale per incastrare i giorni di ferie del personale sanitario. La giornata viene considerata al pari di una domenica, di un giorno festivo. E l'Ulss comunica che "non saranno attive le prenotazioni telefoniche, le attività ambulatoriali, i servizi dei distretti socio-sanitari, centri vaccini e Covid point". Si potranno assicurare solo emergenze e interventi urgenti.

Peccato - prosegue il Giornale - che tra queste non sia contemplato, ad esempio, l'inizio di una chemioterapia di pazienti con tumore che non hanno certo il tempo di rinviare la cura. Nemmeno se si tratta di pochi giorni. Oltre al danno la beffa: San Liberale, il santo patrono da festeggiare chiudendo gli ambulatori, era il protettore dei fragili e degli ammalati. Non lo è chi lo festeggia. Molte le lamentele. Ma un conto è se arrivano da pazienti che speravano di poter fare gli esami del sangue di routine, dove un giorno in più o un giorno in meno, non cambiano le loro sorti. Un altro conto è se arrivano da pazienti in emergenza (e quelli che devono cominciare una chemio lo sono) che tuttavia non sono considerati emergenza. Sapere che l'Ulss aveva annunciato la chiusura già da giorni non è consolante.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cronache treviso
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Bianca Censori regina alla Fashion Week. Le foto

Lady Kanye West sfila a Parigi

Bianca Censori regina alla Fashion Week. Le foto


in vetrina
Affari in rete... a Euro 2024 (e non solo)

Affari in rete... a Euro 2024 (e non solo)





motori
24 ore di Le mans, Porsche dona 911.000 euro con "Racing for Charity"

24 ore di Le mans, Porsche dona 911.000 euro con "Racing for Charity"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.