A- A+
Cronache
Omicidio Poggi, Stasi esce dal carcere ogni giorno. Ha un debito di 700mila €
Omicidio Chiara Poggi, Alberto Stasi condannato a 16 anni. Foto Lapresse

Omicidio Poggi, Alberto Stasi e la libertà vigilata già nel 2025

Alberto Stasi da quattro mesi, nonostante una condanna a 16 anni per omicidio, esce regolarmente ogni giorno dal carcere per andare a lavorare. L'uomo che il 13 agosto del 2007 - si legge sul Corriere della Sera - ha ucciso brutalmente la sua fidanzata Chiara Poggi a Garlasco, in provincia di Pavia, è occupato nella contabilità di un'azienda. Stasi è stato ammesso dal tribunale di sorveglianza al lavoro esterno. La sua avvocata aveva proposto reclamo contro il primo rigetto del giudice, che risale all'ottobre 2022. Stasi svolge mansioni contabili e amministrative e ha prescrizioni sugli orari di uscita e di rientro. Può utilizzare solo alcuni mezzi di trasporto e fare solo certi percorsi. Per non sfuggire ai controlli.

Leggi anche: Donna trans aggredita, ora Granelli faccia un passo indietro

Leggi anche: Morto schiacciato da macchinario: era al suo primo giorno di lavoro

Stasi nel 2018 - prosegue il Corriere - ha raggiunto un accordo con la famiglia Poggi sul risarcimento. Doveva essere di un milione di danni e 150 mila di spese legali. Una transazione lo impegna a risarcire 700 mila euro. Metà la ha già liquidità. L'altra metà arriverà con detrazioni mensili sugli stipendi del lavoro. Prima in carcere e poi fuori. In teoria dovrebbe uscire nel 2030. Ma come ogni detenuto di buona condotta lo scomputo di 45 giorni di "liberazione anticipata" ogni 6 mesi di carcere lo può anticipare nel 2028. E può chiedere affidamento in prova dal 2025. Stasi ha professato la sua innocenza anche qualche giorno fa in un'intervista a Le Iene.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alberto stasichiara poggi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

Guarda il video

Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini





motori
Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.