A- A+
Cronache
Palermo brucia: soccorsi in tilt, morta una donna. Incendi anche in Calabria
Palermo in fiamme

Incendi anche in Calabria, muore un uomo di 98 anni 

Un fronte di fuoco, partito ieri dalle colline di Gallico, nella periferia nord di Reggio Calabria, è avanzato durante la notte verso la città interessando i quartieri di Ortì, Archi, Vito, fino a lambire la struttura della facoltà di Agraria.

L’incendio, nonostante i numerosi interventi dei Canadair e dei Vigili del fuoco, ha aggredito anche le pinete della collina del Pentimele, propagandosi fino a raggiungere la vicina facoltà di Agraria. Nonostante la calma di vento, il fuoco ha risalito i calanchi in direzione dell’Aspromonte, interessando i terreni prossimi al nuovo convento delle suore Visitandine, in contrada ‘campi di Ortì’.  Le fiamme, nel loro passaggio, hanno inoltre interessato poderi e vigneti antichi, con rinomate produzioni di nicchia, in località ‘Zarmà’ di Archi, con danni ingenti. Gli interventi sono ancora in corso, ma le condizioni meteo di oggi, particolarmente torride già dal mattino, potranno mettere a dura prova lo sforzo fatto finora dai Vigili del fuoco e dalla protezione civile.

C'è una vittima per gli incendi in Calabria, un anziano rimasto vittima delle fiamme a Cardeto. L'uomo, di 98 anni, è morto a causa dei roghi che stanno interessando la zona collinare a ridosso di Reggio Calabria. Oltre a Cardeto sono colpite anche Mosorrofa e Gallina. L'anziano è rimasto vittima delle fiamme mentre la figlia e il genero sono rimasti lievemente feriti ma sono stati salvati. Secondo quanto scrive l'Ansa, l'anziano, costretto a letto, sarebbe morto a causa delle fiamme che hanno raggiunto l'abitazione in campagna in cui viveva.

Palermo in fiamme: va a fuoco la discarica e bruciano le colline attorno alla città. Rischio di una nube tossica

A Palermo brucia la discarica di Bellolampo. Le colline attorno alla città sono in fiamme da ieri. I roghi riguardano in particolare la montagna di Capo Gallo, il promontorio sopra la località balneare di Mondella e la collina di Bellolampo. Brucia una delle vasche della discarica comunale con esalazioni venefiche. Diverse abitazioni nella zona di Pizzo Sella e della borgata marinara sono state abbandonate dai residenti perchè minacciate dalle fiamme o a causa dell’aria irrespirabile. La Protezione Civile invita a non uscire di casa a causa del rischio diossina.

GUARDA IL VIDEO

LEGGI ANCHE: Catania, rogo all'aeroporto: terminal A chiuso fino al 25 luglio. È emergenza

Le operazioni di spegnimento sono ostacolate dalle temperature che ieri hanno superato i 42 gradi. E dal vento da sudovest che ha raggiunto i 25 chilometri orari. I pompieri sono al lavoro da tutta la notte.

Altri vasti incendi stanno interessando anche la provincia a Terrasini, Cinisi, Monreale, Piana degli Albanesi e San Cipirello. Intanto l’incendio del monte Inserra arriva a minacciare le abitazioni e l’ospedale Cervello. Nel quartiere Cruillas le abitazioni più a rischio vengono evacuate. Un intervento aereo è programmato per l’alba.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
aeroportodiscaricafumifuocopalermo
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni

Nuova uscita PaperFirst

"L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni


in vetrina
Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio





motori
Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.