A- A+
Cronache
Pmi, Confapi Lazio e Confapi Aniem Lazio: “Servono interventi strutturali"

Confapi Lazio e Confapi Aniem Lazio dicono che le grandi opere non bastano, alle Pmi “servono interventi strutturali".

“Prendiamo atto della conclusione dell’iter di commissariamento di 29 grandi opere per un valore complessivo di oltre 82 miliardi di euro. La firma dei Decreti del Presidente del Consiglio consente di attivare finalmente la realizzazione di infrastrutture attese da tempo e che avranno un impatto positivo anche sul nostro territorio, basti pensare al collegamento ferroviario Roma-Pescara, alla linea C della Metropolitana di Roma, agli interventi sull’anello ferroviario della Capitale, ed alla Cisterna-Valmontone. Ma il commissariamento è un’ipotesi residuale, eccezionale, che testimonia il fallimento della gestione ordinaria, della capacità di garantire concorrenza, efficacia ed economicità degli interventi salvaguardando l’equilibrio tra interessi pubblici e privati” sostengono Massimo TabacchieraPresidente Confapi Lazio Matteo D’Onofrio, Presidente Confapi Aniem Lazio. Ma "le imprese hanno bisogno di una riforma radicale che, da una parte, semplifichi e acceleri i processi decisionali e, dall’altra, garantisca concorrenza e trasparenza negli affidamenti”, aggiungono. Nello specifico, spiega Tabacchiera: “Chiediamo che le stazioni appaltanti tornino ad affidare i contratti pubblici attraverso procedure aperte, con criteri e parametri oggettivi e con un sistema di accesso trasparente ed esaustivo alle informazioni. Come richiesto anche dall’Anac, sollecitiamo l’attivazione del Portale Unico della Trasparenza, nel quale pubblicizzare tutte le fasi dell’appalto, e della Banca dati unica, nella quale riportare i dati dell’impresa senza che la stessa debba riprodurli un ogni gara d’appalto”. Inoltre “l’incertezza sulla durata del superbonus e sulla conferma delle attuali aliquote determina una precarietà che frena soprattutto i condomini dall’avvio di un iter comunque articolato e complesso. Occorre determinare uno snellimento drastico delle procedure ed un contesto stabile sul quale cittadini e operatori economici possano programmare le loro scelte” dichiara D’Onofrio.

“Come abbiamo già segnalato più volte, si tratta di un atto devastante per il sistema produttivo territoriale: un piano caratterizzato da vincoli, appesantimenti, oneri burocratici tali da neutralizzare qualunque tipo di investimento e di progettualità, compresi quelli che potrebbero arrivare dal Recovery Plan. Gli strumenti urbanistici coinvolgono esigenze ed interessi diversificati, richiedono, quindi, una compartecipazione al processo decisionale e scelte ponderate che agevolino e non ostacolino tutte le attività produttive”, concludono Tabacchiera e D’Onofrio.

Commenti
    Tags:
    pmiconfapi lazioconfapi aniem lazio
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ineos Grenadier supera a pieni voti nei test sulle Alpi

    Ineos Grenadier supera a pieni voti nei test sulle Alpi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.