A- A+
Cronache

 

 

preiti sparatoria 500

Con la sua Beretta 7.65 ha sparato sette colpi all'indirizzo di quattro carabinieri, ferendo in modo molto grave il brigadiere Giuseppe Giangrande e, in maniera piu' lieve, altri due militari che, assieme a un quarto collega gettatosi a terra e rimasto illeso, erano in servizio davanti a Palazzo Chigi, la mattina del 28 aprile, giorno dell'insediamento del governo Letta.

Deve rispondere, dunque, di quadruplice tentato omicidio, oltre a detenzione, porto e ricettazione dell'arma da fuoco Luigi Preiti, il disoccupato calabrese di 46 anni, per il quale la procura di Roma ha chiesto oggi il giudizio immediato. Il procuratore capo Giuseppe Pignatone, l'aggiunto Pierfilippo Laviani e il pm Antonella Nespola ritengono di aver acquisito tutti gli elementi per portare direttamente a processo Preiti, saltando cosi' l'udienza preliminare. L'uomo, detenuto a Rebibbia dal giorno dell'arresto, avrebbe agito da solo e senza avere alcun 'input' esterno.

Gli inquirenti hanno setacciato ben due anni di telefonate che Preiti avrebbe fatto in entrata e in uscita per capire se avesse avuto contatti con esponenti della criminalita'. Dalle analisi dei tabulati e' emerso che le telefonate sono state ben poche e quasi tutte hanno riguardato l'entourage familiare di Preiti, a cominciare dal figlio minorenne che vive con la ex moglie e dal fratello che risiede in un'altra citta'. Dalle analisi dell'arma, invece, non e' stato possibile risalire alla sua provenienza ne' comprendere se sia stata usata in altre precedenti azioni. Allo stesso modo non e' stato possibile riscontrare se quella Beretta sia stata acquistata al mercato nero di Genova, come raccontato da Preiti.

Tags:
preitigiudizio immediato
in evidenza
Noemi-Totti, le voci di un bebè Misteriosa trasferta in yacht

La nuova fiamma - FOTO

Noemi-Totti, le voci di un bebè
Misteriosa trasferta in yacht


in vetrina
Bianchi, presentata la nuova gamma di biciclette e-Vertic

Bianchi, presentata la nuova gamma di biciclette e-Vertic





casa, immobiliare
motori
Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile

Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.