A- A+
Cronache
Napoli, choc a scuola: il preside si suicida. "Volevano trasferirlo"

Tragedia all'istituto Denza di Posillipo, a Napoli. Il rettore e preside, padre Dante Toia, 82 anni, si è lanciato nel vuoto dalla finestra della sua camera da letto al quarto piano dello stabile. A trovare il corpo senza vita, come racconta il quotidiano Il Mattino, è stato un sacerdote del convitto dei barnabiti poco prima che arrivassero gli studenti per sostenere gli esami di maturità che, inizialmente, si era pensato di sospendere. I preti, all'arrivo dei ragazzi, hanno formato un vero e proprio cordone di protezione per evitare che i giovani potessero vedere il corpo straziato del loro preside.

Il rettore era da tempo turbato, come ha confermato il Provinciale, padre Pasquale Riillo: "Dante era preoccupato per un probabile trasferimento presso un'altra sede, il pensiero di andare via dal Denza non lo faceva stare tranquillo. In realtà si tratta di normali avvicendamenti ai quali noi sacerdoti veniamo sottoposti".

Tags:
presidesuicidascuola
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.