A- A+
Cronache
Udine, recuperata dai carabinieri pietra tombale del 1784 trafugata 11 anni fa

I carabinieri per la Tutela del Patrimonio culturale di Udine hanno recuperato e restituito alla parrocchia metropolitana del capoluogo una pietra tombale di due quintali risalente al 1784 trafugata da ignoti 11 anni fa e appartenuta alla famiglia udinese Cernazai. Il bene, consegnato all’arciprete della Cattedrale di Udine e vicario urbano monsignor Luciano Nobile, era stato asportato durante lavori di ristrutturazione della chiesa di San Cristoforo Martire di Udine. Il suo sequestro è avvenuto nell’ambito dell’operazione internazionale denominata 'Pandora', coordinata da Europol e finalizzata a contrastare, in diversi Paesi europei, la commercializzazione di beni culturali di illecita provenienza. La pietra tombale recuperata anche in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti del Fvg, è stata individuata all’interno dell’area di una ditta edile dismessa della provincia di Udine.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    carabinieri
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"





    casa, immobiliare
    motori
    Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite

    Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.