A- A+
Cronache

 

giornalista cancro 500 ABC News

Una brutta storia per fortuna a lieto fine. E' quella di una giornalista americana che ha scoperto in diretta televisiva di avere un tumore. Una storia che dovrebbe insegnare a tante donne che la prevenzione è fondamentale e può salvarci la vita. Come racconta la stessa protagonista di questa incredibile vicenda:  "Non volevo farlo. Mangio correttamente, faccio regolarmente ginnastica, mi prendo cura di me stessa e non ho una storia familiare segnata dal cancro: perché dovevo fare una mammografia a soli 40 anni?". Queste le parole di Amy Robach, giornalista della rete televisiva americana ABC News.

E' stato proprio grazie alla "visita" fatta per far capire ai telespettatori della rete americana come è facile e indolore il controllo che la donna - moglie dell’attore Andrew Shue e madre di 5 bambini - ha potuto scoprire di essere malata. Per sua stessa ammissione se non l'avesse fatto per lavoro, andando in tv, non si sarebbe mai sottoposta a questo tipo di controllo e no navrebbe scoperto di avere il cancro al seno.

"In pochi istanti - ha raccontato Amy Robach - mi si è fermato il respiro. Mi hanno diagnosticato un tumore e i medici mi hanno detto che l’esame fatto durante lo show mi ha salvato la vita. Proprio a me che non volevo fare controlli, ritenendomi al sicuro per il mio stile di vita e l’età. Ora affronterò le cure necessarie e spero davvero che la mia storia possa essere utile (foto ABC News)

LO STUDIO - Come una bomba ha la capacità di distruggere le cellule tumorali, con una potenza mai ottenuta finora con nessuna molecola, rilasciando una sostanza altamente tossica soltanto dove si trova la neoplasie. Si chiama T-dm1, è altamente efficace e riduce gli effetti collaterali rispetto alle altre terapie. Durante l'"International meeting on New Drugs in Breast Cancer", gli esperti hanno evidenziato i risultati eccellenti ottenuti nel trattamento del tumore del seno Her2 positivo, una forma che solo in Italia colpisce ogni anno 10mila donne, con un meccanismo che presto potra' essere impiegato anche in altri tipi di cancro.

Ad esempio T-dm1 e' soltanto il primo di una classe di molecole denominate "anticorpi armati" e combina i benefici clinici di trastuzumab, con la chemioterapia potente costituita da Dm1, dell famiglia delle meitansine. Per il 2013 si stimano circa 48mila nuove diagnosi di tumore del seno nel nostro Paese, un numero impressionante. "E' essenziale che le nuove armi siano disponibili in tutto il territorio subito dopo l'approvazione da parte dell'Aifa- dichiara Francesco Cognetti, direttore dell'Oncologia Medica del Regina Elena di Roma e presidente del convegno che si apre domani - senza attendere l'inserimento nei prontuari regionali che rappresentano inutili doppioni. L'appropriatezza - conclude l'esperto - si misura anche nella capacita' di garantire le cure migliori su tutto il territorio".

Tags:
reporterscoprecancrodirettatv
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano

Scatti d'Affari
Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano





casa, immobiliare
motori
I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022

I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.