A- A+
Cronache
Roma: le indegne sepolture. Come si muore nella Capitale. La denuncia

di Simona Baldassarre *

Da millenni la civiltà considera l'assicurare delle degne sepolture a chi muore il proprio paradigma. Eppure, morire oggi a Roma, nella Capitale, nella culla della civiltà, significa non avere un luogo dove far riposare le esequie dei propri cari.

Se tutto va bene, la sepoltura è “fai da te”: per evitare attese di un mese per le tumulazioni, i parenti sono costretti ad affidare tali operazioni all'impresa funebre intervenuta per il funerale. Altrimenti si finisce parcheggiati in un “deposito”. Tutto ciò è aberrante, immorale, lede i sacrosanti diritti dei cittadini. Ma è purtroppo la cruda realtà che stanno vivendo moltissimi romani. La Capitale d'Italia sta sprofondando nelle acque più torbide dell'inefficienza, dell'approssimazione, dell'insipienza. Mi chiedo come si sia arrivati a questo punto. La situazione di estrema gravità in cui versano i cimiteri romani era ben nota alla giunta, ed ora gli sta scoppiando tra le mani.

I decessi in aumento in concomitanza con la pandemia hanno sicuramente acuito la crisi, ma il Covid non può essere un alibi per chi è rimasto immobile a guardare che la situazione collassasse. La verità è che Roma soffre ormai da anni di una mancanza di investimenti su strutture e personale dedicati. Ad agosto 2017, si parlava di costruzione di quattro nuovi forni crematori, dove sono finiti? Intanto le cremazioni sono rimaste a numero chiuso. Sono mesi che le cronache denunciano fatti agghiaccianti, come i depositi talmente pieni da costringere Ama a noleggiare alcuni container per conservare le salme in attesa di cremazione. Se a ciò aggiungiamo lo stato d'incuria in cui annaspano le tombe, tra schiere di sepolcri curvati e lastroni e pavimenti divelti, allora mi chiedo come faccia la sindaca Virginia Raggi a dormire sonni tranquilli.

Come faccia a far finta di nulla dinanzi allo strazio delle famiglie già gravate dal dolore devastante della perdita. Come politico, ma soprattutto come cittadina di Roma, sostengo che la Raggi dovrebbe oggi avere la dignità di scendere dallo scranno. E dimettersi. Non sarà la soluzione ai mali di Roma, ma sarebbe un segno di rispetto per l’amore che nutriamo per questa città. Non lasciamo che questa foto della Capitale diventi la copertina del prossimo World Press Photo.



                                                         *Simona Baldassarre , europarlamentare Lazio

Commenti
    Tags:
    romacapitaledenunciasepolture
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    De Magistris:"Vaccinare tutti, anche i migranti. Altrimenti è discriminazione"

    Cronache

    De Magistris:"Vaccinare tutti, anche i migranti. Altrimenti è discriminazione"

    i più visti
    in vetrina
    Elettra Lamborghini senza il reggiseno. Wanda Nara esplosiva e...

    Elettra Lamborghini senza il reggiseno. Wanda Nara esplosiva e...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Jeep® Wrangler 4xe plug-in hybrid,ordinabile in Italia

    Nuova Jeep® Wrangler 4xe plug-in hybrid,ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.