A- A+
Cronache
Roma, sui Casamonica il maglio dei Pm: chiesti 630 anni di carcere

Condanne per più di 630 di carcere sono state sollecitate dal pm di Roma, Giovanni Musarò, nel maxiprocesso nell'aula bunker di Rebibbia a carico di una quarantina di imputati affiliati al clan dei Casamonica.

Le accuse nei loro confronti vanno dall'associazione mafiosa dedita al traffico e allo spaccio di stupefacenti all'estorsione, all'usura fino alla detenzione illegale di armi. Le pene più alte sono state chieste nei confronti di Giuseppe Casamonica, boss dell'omonimo clan, e Luciano e Massimiliano Casamonica. Per i tre è stata proposta una pena di 30 anni di galera.

Chiesti invece 25 anni per Guerino Casamonica e Ottavio Spada. Il pm Musarò, nel corso della sua requisitoria, ha invece sollecitato 16 anni di reclusione per Antonietta Casamonica e per Gelsomina Di Silvio. L'inchiesta da cui è sfociato il processo è quella dei Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, coordinata anche dal pm Stefano Luciani oltre che da Musarò. Le indagini dei militari del Nucleo Investigativo di Frascati erano state avviate nell’estate del 2015, ancora prima dei funerali-shock di "zio Vittorio Casamonica", e hanno consentito di documentare l’esistenza di un’associazione mafiosa autoctona strutturata su più gruppi criminali, prevalentemente a connotazione familiare, dotati di una propria autonomia decisionale, operativa ed economica. Fondamentali per l'accusa erano state le parole di alcuni collaboratori di giustizia. 

Commenti
    Tags:
    casamonicapmromacarcere
    in evidenza
    Covid vissuto con ironia

    Guarda la gallery

    Covid vissuto con ironia

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente





    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.