A- A+
Cronache
Sciolto nell'acido 10 anni fa perché amante della moglie del boss. Tre arresti

Napoli, venne sciolto nell'acido dieci anni fa perchè amante della moglie del boss. Tre arresti

Un vero e proprio cold case, quello risolto dai Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Napoli. Si parla dell’omicidio di Salvatore Esposito, alias Totoriello, scomparso (il corpo non è stato mai ritrovato) il 27 settembre 2013.

A decidere della sua morte fu il suo stesso clan, in particolare tre persone ritenute di vertice del gruppo Licciardi a cui adesso i militari dell'Arma e la Direzione distrettuale antimafia contestano i reati di associazione mafiosa, estorsione, omicidio, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco, aggravati in quanto commessi per agevolare il clan Licciardi e l'Alleanza di Secondigliano.

LEGGI ANCHE: Ndrangheta a Roma, chiesti 43 rinvii a giudizio dai boss agli affiliati

Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, Esposito fu vittima di una "punizione d'onore", per aver iniziato una relazione sentimentale con la moglie di un appartenente alla famiglia Licciardi all’epoca detenuto. Venne attirato in una zona boschiva e impervia di Napoli, nel quartiere Chiaiano, dove ci sono diverse cave di tufo abbandonate, ucciso a colpi d'arma da fuoco e il suo cadavere sciolto nell'acido da alcuni affiliati al clan Polverino-Simioli, costola del clan Nuvoletta, che usarono tecniche di 'lupara bianca' apprese dalla mafia palermitana.
Si tratta - è stato appurato grazie a intercettazioni, pedinamenti e pentiti - delle stesse pratiche di occultamento dei cadaveri per scioglimento nell'acido utilizzate da Cosa nostra nel 1984 per far sparire per conto del boss Lorenzo Nuvoletta i cadaveri di Vittorio e Luigi Vastarella, Gennaro Salvi, Gaetano Di Costanzo e Antonio Mauriello.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
acidoarrestobossnapoli
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo

Cronache

Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo


in vetrina
Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire





motori
CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.