A- A+
Cronache
prostituzione

Mamma e figlia sulla strada a causa delle difficoltà economiche e della mancanza di lavoro. Succede a Rimini e a scoprirlo sono stati i Carabinieri nel corso di un vasto servizio antiprostituzione compiuto la scorsa notte e che ha visto identificate 39 donne.

Madre e figlia maggiorenne, entrambe di Rimini, sono state fermate mentre si trovavano all’interno di un’auto in attesa di clienti: ai militari le due donne hanno riferito di aver iniziato da poco a prostituirsi a causa della mancanza di lavoro e della situazione economica disperata della loro famiglia.

Nel corso dell’operazione di controllo - in cui sono stati identificati anche clienti e elevate contravvenzioni per violazioni del codice della strada - sono state identificate e allontanate, complessivamente, 39 lucciole: oltre alle due italiane, 37 straniere di età compresa tra i 18 e i 45 anni di nazionalità ungherese, rumena e bulgara. Sette sono state deferite per inottemperanza al foglio di via obbligatorio, mentre per le restanti è scattata la proposta per il foglio di via trattandosi di ragazze appena arrivate in Provincia e mai controllate.

Tags:
madrefigliaprostitute
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.