A- A+
Cronache
Stalking a mezzo stampa: è nato un nuovo tipo di reato

Stalking a mezzo stampa, il caso

ilfattoquotidiano.it scrive che il documento ha riformulato l’originaria accusa di minaccia che lo scorso anno aveva spinto la Procura a chiedere ed ottenere dal gip la sospensione di Jannacopulos dall’attività di editore. Il provvedimento era stato impugnato dal difensore, l’avvocato Maurizio Paniz, che ne ha ottenuto la revoca da parte del Tribunale del riesame di Venezia. La Procura aveva impugnato in Cassazione, ma pochi giorni fa anche i giudici romani hanno confermato quella decisione che sembrava scagionare Jannacopulos, poiché i servizi televisivi di denuncia della gestione sanitaria dell’ospedale di Bassano, pur pesantemente critici, rientravano nell’esercizio del diritto di informazione.

Il pubblico ministero, prima ancora del deposito delle motivazioni della Cassazione, ha invece ritenuto che esistano motivi sufficienti per chiudere le indagini, in vista della prevedibile richiesta di rinvio a giudizio. Ed ecco spuntare l’inedito reato di stalking, perseguibile solo su querela di parte nella sua formulazione non aggravata. Evidentemente Bramezza, che era stato sentito come testimone, ha presentato querela per stalking, anche se non lo ha fatto per la supposta diffamazione dei 56 servizi giornalistici citati nel capo di imputazione come forma di pressione indebita.

Come riporta ilfattoquotidiano.it: "Jannacopulos, con condotte reiterate minacciava e molestava Bramezza Carlo, direttore generale dell’USL 7, in modo da cagionargli un perdurante grave stato di ansia per la sopravvenuta assenza di libertà e serenità del proprio operato, con manifestazioni di insonnia e ipertensione, nonché costringendolo a mutare le proprie abitudini di vita, in quanto era costretto ad assumere farmaci e diminuiva le proprie uscite e frequentazioni". La formulazione riprende la norma concepita soprattutto a tutela delle donne minacciate da un fidanzato inconsolabile o da un ex violento, e la traspone nel rapporto tra un organo di informazione e un uomo pubblico.

LEGGI ANCHE: Selvaggia Lucarelli condannata per diffamazione, ecco perché. E il risarcimento...

Secondo ilfattoquotidiano.it, i servizi (in onda dal 18 luglio 2021 al 29 marzo 2023) riguardavano problemi di gestione sanitaria, l’utilizzo di infermieri come autisti di ambulanze e proteste di cittadini. Un ultimo filone informava dei dissesti economici di Bramezza, causati da attività immobiliari non connesse alla sanità veneta, e sulla sua dichiarazione di insolvenza per 11 milioni di euro. Commento dell’avvocato Maurizio Paniz, per conto di Jannacopulos: "Ho appreso con sorpresa questa contestazione di stalking giornalistico, credo per la prima volta in Italia, ma le novità consentono sempre di alzare l’asticella della mia preparazione e dei miei obiettivi per cui lascio siano gli altri a parlare di accanimento giudiziario". La contestazione, al di là del caso concreto, intercetta il più generale tema del diritto-dovere dell’informazione, soprattutto quando essa punta a verificare i comportamenti pubblici di autorità e politici.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
stalking
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...

Sport

Croazia-Italia: Calafiori eroe, ma tutti fanno caso a un particolare...


in vetrina
McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA

McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA





motori
BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

BMW, sulla nuova Serie 7 arriva la guida autonoma di livello 2 e livello 3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.