A- A+
Cronache
"Termini offensivi", cancel culture si abbatte romanzi sui di Agatha Christie

"Via i termini offensivi": ingaggiati "lettori sensibili" per togliere dai libri di Agatha Christie offese, riferimenti etnici e descrizioni sgradevoli

La casa editrice che pubblica la più celebre scrittrice di gialli della storia, Agatha Christie, ha ingaggiato un gruppo di "lettori sensibili" per togliere  dalle sue opere offese, riferimenti etnici e descrizioni sgradevoli.

Ne dà notizia il Telegraph, il quale ha annunciato che la casa editrice che pubblica i libri di Agatha Christie, sta editando le sue opere per venire incontro ai gruppi etnici e ai lettori che si sentono offesi dalle allusioni e dalle annotazioni della scrittrice.

Pubblicati tra il 1920 e il 1976, i personaggi della Christie come Poirot o Miss Marple sono diventati dei veri e propri eroi popolari, ma conterrebbero allusioni e riferimenti offensivi contro gruppi etnici e minoranze sessuali. L'editore HarperCollins ha così ingaggiato un gruppo di "lettori sensibili" per rimuovere o rielaborare le parti contestate, senza stravolgerelo spirito delle opere. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
agatha christiepoliticamente correttoriscrittiromanzi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria





motori
Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.