A- A+
Cronache

L’Unione Italiana Zoo e Acquari respinge le accuse e nega fermamente qualsiasi coinvolgimento

25 marzo 2013 - Traffico illecito di animali? Vendita? Acquisto? I Giardini Zoologici chiamati in causa respingono il coinvolgimento e accusano: “una imputazione inaccettabile, nessuna vendita di animali si è mai verificata ma anzi il collocamento presso di noi avviene con l’assenso delle Autorità, in presenza del Corpo Forestale dello Stato e peraltro a nostro totale carico economico”.

False e gravissime le affermazioni contenute nell’articolo pubblicato su La Nazione il 21.3.2013 e poi ripreso da altre testate locali e nazionali circa un coinvolgimento dei Giardini Zoologici di Pistoia, Valcorba e Falconara nei fatti in corso di verifica presso il Centro di Recupero di Semproniano.

L’U.I.Z.A. (Unione Italiana Zoo e Acquari) unitamente ai Giardini Zoologici di Falconara, Pistoia e Valcorba, respingono gli attacchi e negano qualunque coinvolgimento nei fatti oggetto dell’indagine della magistratura penale. Nessun traffico illecito di specie selvatiche e esotiche né alcuna vendita di animali si è mai verificata tra il CRASE di Semproniano (o altro centro di recupero) e i Giardini Zoologici privati sopra menzionati.

Gli spostamenti dei 10 esemplari: 2 leonesse, 4 tigri e 4 scimmie sono avvenuti o su richiesta delle Autorità centrale o in presenza del Corpo Forestale dello Stato o comunque con informativa espressa ad esso, per esigenze di tutela dell’animale e per motivi della sua sicurezza.

Al Ministero dell’Ambiente i Giardini Zoologici ospitanti hanno fornito nel tempo tutte le informazioni sui decessi intervenuti e sugli esemplari ancora in vita; il collocamento e il mantenimento degli animali sono avvenuti a titolo gratuito.

Tutti i Giardini Zoologici e gli Acquari aderenti all’U.I.Z.A. rappresentano un presidio di fondamentale importanza contro il traffico illegale e restano un pilastro per la conservazione e la tutela degli animali: per questa ragione dal 1992 il Ministero dell’Ambiente e il Corpo Forestale dello Stato ne chiedono la continua collaborazione per l’allocazione degli esemplari confiscati e sequestrati.

L’U.I.Z.A. di fatto, in accordo con gli Enti competenti dello Stato e con i Centri di Recupero, mette a disposizione le proprie strutture, le competenze e le risorse necessarie per garantire il welfare di animali oggetto di traffici illeciti e pertanto sequestrati dalla Magistratura.

Va inoltre evidenziato che, al contrario di quanto accade nei centri di recupero convenzionati, la collaborazione con le Autorità centrali e locali avviene a titolo gratuito, senza riconoscimento di alcun rimborso o di compenso e dunque il costo per la tenuta degli esemplari confiscati è ad esclusivo carico della struttura zoologica.

La notizia pubblicata lede profondamente l’immagine e la reputazione dei Giardini Zoologici e del loro organismo rappresentativo. In maniera arbitraria e senza alcun fondamento, le notizie diffuse sviliscono e pongono in una ingiustificata cattiva luce il serio lavoro che queste strutture compiono quotidianamente con riconosciuta professionalità per il recupero di esemplari oggetto di traffici illeciti e per la conservazione.

L’ombra di discredito illegittimamente posta e la falsità delle informazioni non possono restare prive di conseguenze, per cui gli Zoo di Falconara, di Pistoia e di Valcorba e la U.I.Z.A. stanno valutando l’esistenza di elementi che possano integrare reati ai loro danni, riservandosi la proposizione di querele anche a tutela della propria immagine e professionalità.

Unione Italiana Giardini Zoologici e Acquari

Tags:
animalitraffico illecito. wwf
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.