A- A+
Cronache
Trieste, amianto killer al porto. Condannata l'Autorità portuale

Trieste, il lavoratore morì due anni fa per un mesotelioma

L'Autorità Portuale di Trieste è stata condannata dal Giudice del Lavoro del Tribunale del capoluogo giuliano a un risarcimento di 645.000 euro a favore dei familiari di un lavoratore, Gino Gruber, morto nel 2015, a 71 anni, per mesotelioma.

Il Tribunale ha accertato la responsabilità passiva dell'allora Ente Porto (ora Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale) per malattia professionale e morte di un socio lavoratore di una compagnia. Gruber era socio-lavoratore della compagnia portuale "Terra", che forniva allo scalo manodopera in appalto.

Ha svolto il suo lavoro tra il 1960 e il 1992 nel porto di Trieste, dove all'epoca venivano scaricate tonnellate di amianto, provenienti in particolare dal Sudafrica. Ha cominciato ad ammalarsi nel 2013 ed é morto due anni dopo. Il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale, Zeno D'Agostino, ha detto che per un ente pubblico è quasi un obbligo presentare ricorso contro la sentenza.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
triesteamianto killer
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali





casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.