A- A+
Cronache
Uccise il padre violento, disposto il processo di appello bis per Alex Pompa

Uccise il padre violento, disposto il processo di appello bis per Alex Pompa

"Annullamento della sentenza con rinvio per nuovo processo di appello". E' quanto deciso dai giudici della Cassazione nel procedimento che vede imputato Alex Pompa, il giovane di 22 anni che nell'aprile del 2020 uccise con alcune coltellate il padre a Collegno (To) al culmine dell'ennesima lite con il padre che si era scagliato contro la madre. I Supremi giudici, accogliendo quanto sollecitato dal procuratore generale, hanno deciso che dovrà esserci un nuovo processo di secondo grado dopo quello che nel dicembre del 2023 portò alla condanna del giovane a sei anni e due mesi e 20 giorni di reclusione da parte della Corte d'Assise d'Appello di Torino.

Un verdetto, quello, che ribaltò quando stabilito in primo grado quando Pompa venne assolto dalle accuse in quanto la sua condotta, a detta dei giudici, rientrava nella legittima difesa. Nel corso della requisitoria il Pg, chiedendo un nuovo processo, ha affermato che è "evidente" la "necessità di una motivazione rafforzata davanti ad un ribaltamento così evidente rispetto a alla prima sentenza. Il primo giudice assume come attendibili le testimonianze della madre e del fratello di Alex mentre i giudici d'appello con la sentenza hanno disposto l'invio degli atti in procura per falsa testimonianza".

LEGGI ANCHE: Caso Alex Pompa, "non fu legittima difesa". Sei coltelli per uccidere il padre

L'omicidio si consumò alla fine dell'ennesima lite tra il padre e la madre di Alex. Ora il ragazzo porta il cognome della madre, Cotoia. E proprio alla protezione della mamma durante la lite si appellò sostenendo che si era trattato di legittima difesa. Trentaquattro coltellate sferrate con sei coltelli diversi che per i giudici di secondo grado non possono essere compresi nell'alveo del disperato tentativo di difendere la vita della donna. Nelle motivazioni di quella sentenza i magistrati affermarono che i colpi furono indirizzati soprattutto alla "regione dorsale" e "ci fu una reiterazione" e ciò, sottolineano i giudici, depone "univocamente nel senso di una condotta francamente aggressiva".

La Corte d'Assise d'Appello aggiunse che i "presupposti essenziali della legittima difesa sono un'aggressione ingiusta e una reazione legittima e mentre la prima deve concretarsi nel pericolo attuale di un'offesa, la seconda deve inerire alla necessità di difendersi, alla inevitabilità del pericolo e alla proporzione tra difesa e offesa". Una colluttazione avvenuta al termine di una giornata di tensione fra i coniugi: Maria Cotoia, cassiera in un supermarket, raccontò che il marito nel corso della giornata l'aveva contattata non meno di 101 volte sul telefonino solo perché credeva che al lavoro avesse salutato un collega. 

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie

Home

Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.