A- A+
Cronache

Nove professionisti, otto medici e un radiologo, sono indagati per omicidio colposo dalla procura di Grosseto per la morte di Valentina. La 17enne deceduta a Orbetello poco dopo essere stata ricoverata e che dal letto dell'ospedale aveva lanciato il suo ultimo grido di dolore tramite Facebook. Nel suo ultimo post dichiarava di sentirsi male e chiedeva aiuto. La giovane era in vacanza con il fidanzato e alcuni amici quando è caduta e ha riportato una botta al torace. Poi è arrivata la febbre, le lastre e il ricovero. Ma quando i medici hanno deciso di ricoverarla per un versamento pleurico somministrandole un potente antibiotico la 17enne è morta

LA STORIA - La diciassettenne si era rotta una costola cadendo: era il 14 agosto scorso e si trovava al mare. Curata in un pronto soccorso e dimessa con un trauma all'ottava costola, aveva proseguito le vacanze nella casa di famiglia a Pescia Romana, nel viterbese. Poi la corsa in ospedale. La ragazza ha chiamato il padre dicendo anche a lui di avere la febbre e la tachicardia. Il padre racconta di esser corso all’ospedale e di essere stato fermato dal medico che spiega che la ragazza ha un’embolia polmonare in corso e che necessita di un nuovo esame: la tac con contrasto. Quando entra in sala per l’esame, Valentina viene colta da una crisi respiratoria. A questo punto è stata intubata, ma non c'è stato nulla da fare ed è morta poco dopo

Tags:
misteromortasanitàvalentina
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.