A- A+
Cronache
Venezuela, i soldi del regime in Italia: "Denaro nelle valigie diplomatiche"

"ll Chavismo ha distribuito denaro in Italia attraverso valigie diplomatiche. Questa non è una novità,ma una pratica che è ancora in uso oggi. Nel 2010, è probabile ci sia stato lo scambio. Resta da vedere se le autorità italiane saranno diligenti". Lo sostiene Alek Boyd, tra i giornalisti investigativi che meglio conoscono il regime venezuelano, in un'intervista a Il Giornale. Da anni vive a Londra perché non può più mettere piede nel suo paese. 

I legami tra regime venezuelano e Italia

"I legami con l'Italia di Alex Saab, il prestanome di Maduro agli arresti a Miami, sono molto forti anche per via di sua moglie, Camilla Fabri", scrive il Giornale. Con Boyd che spiega: "La Fabri è dovuta fuggire dall'Italia per il suo coinvolgimento nel riciclaggio di denaro e nella corruzione del marito. Ha passato un po’ di tempo a Mosca, il miglior posto al mondo per sfuggire alla giustizia americana. Ora è a Caracas, a promettere che Saab non collaborerà con il Dipartimento di Giustizia americano. È evidente che non è consapevole dello scarso rispetto che Saab ha dato alla sua prima moglie, né sembra avere la capacità intellettuale per capire i guai in cui si trova. Ora, dopo l'estradizione dello scorso 16 ottobre a Miami, le autorità italiane dovrebbero stabilire la responsabilità di Saab così come quella di Fabri". 

"Al boss della corruzione del regime venezuelano è permesso di vivere a Roma"

E poi Boyd spiega chi sono altri due venezuelani che hanno passaporti italiani. "Rafael Ramirez è stato per più di un decennio l'architetto di tutta la corruzione in Venezuela. A capo di PDVSA, più di un miliardo di dollari sono passati per le sue mani di cui non rimane nulla. Ha cause pendenti davanti ai tribunali americani, di Andorra, portoghesi e italiani. È un mistero per me che gli sia permesso di vivere a Roma, senza lavoro o fonte di reddito nota, in un appartamento comprato con denaro illecito della Banca Privada d'Andorra, e che le autorità italiane non facciano nulla al riguardo. Un sacco di favori e denari gli devono essere dovuti dai potenti in Italia. Maikel Moreno invece è capo della Corte Suprema di Giustizia, l'appendice giudiziaria del regime chavista che ha il compito di assicurare che la massima corte faccia ciò che vuole il regime", spiega il reporter al Giornale.

Commenti
    Tags:
    m5svenezuela
    Iscriviti al nostro canale WhatsApp





    in evidenza
    Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

    La confessione intima

    Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

    
    in vetrina
    Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina

    Amazon, le mini case arrivano in Italia: possono costare meno di una macchina





    motori
    Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

    Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.