A- A+
Cronache

 

ospedale

Era stato ricoverato al pronto soccorso, ma i medici dell'ospedale di Chivasso, nel torinese, lo avevano rimandato a casa con una terapia antibiotica e antipiretica. Dopo poche ore un bimbo di 7 mesi è morto. Il neonato aveva febbre e gola arrossata. Sintomi molto comuni. Tre ore dopo, però, i genitori si sono ripresentati dai medici: il piccolo era gravissimo ed è morto poco dopo il trasferimento a Torino.

Sono in corso gli accertamenti per chiarire le cause del decesso, probabilmente riconducibile a una sepsi infettiva, patologia che ha una bassa incidenza, ma una elevatissima mortalità, che non presenta particolari sintomi all'esordio e ha uno sviluppo rapidissimo.

Secondo quanto si apprende, al momento del primo accesso al pronto soccorso, il quadro clinico del bimbo era compatibile con le numerose patologie respiratorie stagionali attualmente frequenti. Poco dopo l'una i genitori - che risiedono in un comune vicino, a Brandizzo - hanno raggiunto la caserma dei carabinieri di Chivasso per sporgere denuncia.

Tags:
torinoospedaleneonatomorte
in evidenza
Ufficiale: esiste un'anti-Ferragni. Si chiama Aurora Baruto e ha 4 mln di follower

GUARDA LE FOTO

Ufficiale: esiste un'anti-Ferragni. Si chiama Aurora Baruto e ha 4 mln di follower

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
BMW M3 Touring: la supersportiva per tutti i giorni

BMW M3 Touring: la supersportiva per tutti i giorni


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.