A- A+
Cronache
Fa nascere sua figlia di sette mesi e la annega nel water. Il dramma

Tragedia a Busto Arsizio (Varese) il 25 aprile scorso. Una donna ha provocato con dei farmaci la nascita prematura della figlia, al settimo mese, e poi l'ha uccisa annegandola nel water di casa.

Con questa accusa è stata posta in stato di fermo una albanese 21enne. Dagli accertamenti sul corpo della neonata vi sarebbero anche lesioni al cranio. La madre, quando è stata bloccata, stava per tornare in Albania. La donna, alla seconda gravidanza, ha detto di aver pensato a un aborto.

 

 

LE ALTRE NEWS DI CRONACA:

 

Ancora qualche giorno diviso tra nuvole e rovesci. Ma poi arriva il caldo africano. Ecco quando...

 

Nuova strage di famiglia in Gallura: 3 morti

 

Santhià, 3 morti per 300 euro. "Uccisi sotto l'effetto della cocaina"

 

 

nipote assassino 800Guarda la gallery - Santhià, 3 morti per 300 euro. "Uccisi sotto l'effetto della cocaina"

Tags:
waterannegafiglia
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.