A- A+
Cronache
Youtuber "scalmanati", governo in campo: verso un reato ad hoc
Incidente di Casal Palocco: fiori e doni per il piccolo Manuel vicino al luogo dell’impatto (foto Lapresse)

Casal Palocco, in arrivo la linea dura del Governo: "Nuova fattispecie di reato e carcere"

Proseguono le indagini sulla tragedia di Casal Palocco, ma qualcosa si muove anche sul fronte politico. È lo stesso Governo, infatti, a ragionare sulla possibile linea dura da adottare per evitare che possano ripetersi ancora episodi come quello che pochi giorni fa è costato la vita al piccolo Manuel. Si parla, in particolare, di un reato ad hoc per punire chi, maggiorenne o meno, “esalta condotte illegali” o “istiga alla violenza” postando dei video sui social e guadagnando attraverso le piattaforme digitali. 

Il "contenitore" adatto per un provvedimento di questo tipo del resto esiste già, ed è quel disegno di legge "anti-baby gang" voluto fortemente dalla Lega di Matteo Salvini che è appena stato incardinato in Commissione Giustizia al Senato e che, nelle intenzioni del Guardasigilli Carlo Nordio, è destinato ad essere parte integrante di quella "Fase 2" della sua riforma che si auspica vedrà la luce entro la fine di quest'anno. A spiegarlo è il sottosegretario leghista di via Arenula Andrea Ostellari: “Il contrasto alla produzione e diffusione di video che esaltino condotte illegali è uno dei suoi punti qualificanti” del disegno di legge. Il testo è stato cioè pensato per rispondere “a un fenomeno emergente” che riguarda minorenni che istigano alla violenza o a commettere reati attraverso i canali digitali. E si ragiona sull'estensione della fattispecie di reato prevista per i minori nel ddl a "tutte le condotte illegali che vengano riprese e celebrate attraverso l'uso dei social, benché compiute da persone adulte, da cui ci si aspetterebbe una maturità che evidentemente non è scontata".

LEGGI ANCHE: Casal Palocco, TheBorderline chiudono: "Il nostro pensiero è solo per Manuel"

Non è quindi possibile escludere una vera e propria stretta che modificherebbe l'articolo 414 del codice penale prevedendo una nuova fattispecie di reato. E cioè quello relativo all'istigazione a delinquere e all'apologia mediante strumenti digitali, per cui sarebbero previste pene da uno a cinque anni per tutti, maggiorenni e minorenni: "La ratio dell'intervento - conclude Ostellari - è evitare l'"effetto moda" generato da chi compie bravate sul web".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
casal paloccogovernoincidentetheborderlineyoutuber
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO





motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.