A- A+
Culture
Archeologia/ La tomba di Lavau la scoperta più importante del 2015

Di Eduardo Cagnazzi

Va alla Tomba di Lavau in Francia la seconda edizione dell’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad” come scoperta più significativa del 2015. Il premio, ideato dalla Borsa del turismo archeologico che si terrà a Paestum  dal 27 al30 ottobre e da Archeo, la prima testata archeologica italiana, sarà consegnato all’Institut National de recherches archéologiques préventives, nella persona del presidente Dominique Garcia, nel corso dei lavori  della XIX Borsa del turismo archeologico alla presenza di Fayrouz Asaad, archeologa e figlia di Khaled al-Asaad. La Tomba di Lavau ha prevalso slle ultime scoperte archeologiche mondiali: i 22 relitti sottomarini dell’arcipelago di Fourni (Grecia), il Monumento sotterraneo nei pressi di Stonehemge (Inghilterra), la Tomba etrusca di Città della Pieve (Italia) e le Tombe della necropoli di Khalet al-Jam’a (Palestina).


La tomba, risalente al V sec. a.C. e ospitante i resti di un principe celtico, è stata scoperta a Lavau nella regione di Champagne, a 100 chilometri da Parigi. Al centro di un tumulo di 40 metri di diametro, il defunto e il suo altare riposano in una vasta camera funeraria di 14 mq, una delle più ampie rinvenute intorno alla fine della prima età del ferro. La tomba contiene depositi funerari di una ricchezza degna delle più alte élite del tempo: bacini, un cesto in bronzo, una ceramica decorata, un coltello nella sua custodia. Il pezzo principale è un calderone in bronzo, di circa un metro di diametro, ornato accanto alle quattro maniglie da alcune raffigurazioni della testa di Acheloo, un dio fluviale greco, qui rappresentato cornuto, barbuto, con orecchie taurine e tripli baffi; inoltre, il bordo del calderone è decorato con otto teste di leoni. 


Lo “Special Award”, il premio alla scoperta con il maggior consenso sulla pagina Facebook della Bmta, è assegnato invece alla Tomba etrusca di Città della Pieve: una scoperta di fondamentale valore per il territorio pievese, che entrerà così a far parte della rete delle Città Etrusche.
Considerata sin dal suo inizio da Unesco e Unwto “best practice di dialogo interculturale”, la Borsa dedica quest’anno a Palmira la XIX edizione che sarà inaugurata dal ministro dei Beni culturali Dario Franceschini.
La tragedia che insanguina il Vicino Oriente sta mettendo in pericolo l’esistenza non solo delle persone, uccise o costrette alla fuga e all’esilio, ma anche di patrimoni culturali, che rappresentano allo stesso tempo identità e storia di importanti civiltà. La Siria è la regione dove si è sviluppata la civiltà urbana e la straordinaria città carovaniera di Palmira, all’interno di un’oasi rigogliosa e verdeggiante, è il simbolo dell’incontro di culture.
#Unite4Heritage (Uniti per il patrimonio culturale) è l’hashtag lanciato dall’Unesco, affinché anche i social network contribuiscano a creare una sensibilità diffusa sull’importanza di proteggere, tutti insieme, il patrimonio culturale dell’umanità. Pertanto, oltre a promuovere l’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”, la Borsa accoglierà nell’immagine coordinata l’hashtag #Unite4Heritage for Palmyra, inserito in una foto del sito, ospiterà una conferenza dallo stesso titolo e dedicherà a Palmira uno spazio nel salone espositivo.



 

Tags:
archeologia tomba lavautomba lavau scoperta importante
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Intervista alla moglie di Amendola

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.