A- A+
Culture
Caso Suarez, Valerio De Cesaris: ripercussioni negative per lungo tempo, ma..

Buon centenario alla Stranieri, rilanciare l’Ateneo e l’italiano nel mondo

Candidato rettore Valerio De Cesaris, mi auguro di ricordare i cento anni di  di Palazzo Gallenga con un evento internazionale in presenza.

A pochi giorni dal voto per l’elezione del nuovo rettore dell’Università per Stranieri di Perugia, De Cesaris spiega suo programma e le iniziative per rilanciare l’ateneo che quest’anno celebra i propri cent’anni di storia.

Professor De Cesaris, con quale idea si è candidato alla guida dell’Università per Stranieri di Perugia?
La convinzione di fondo è che l’Università per Stranieri non sia un’Istituzione gloriosa ma ormai decadente, come alcuni credono, ma che abbia ancora una funzione importante per Perugia e per l’Italia. C’è un fatto da non sottovalutare: la lingua italiana è tra le più studiate al mondo e la cultura italiana è attrattiva. La Stranieri ha sempre avuto un ruolo di primo piano nella promozione della lingua e della cultura italiana e dovrà averlo anche in futuro. Credo nella possibilità di creare sinergie positive con le Istituzioni di Perugia e del suo territorio, come anche con il MUR e il MAECI, per rilanciare la Stranieri e rafforzare il suo ruolo di ambasciatrice dell’Italia nel mondo.

DE CESARIS. VALERIO
Valerio De Cesaris

L’immagine dell’Ateneo è danneggiata dopo la nota vicenda Suarez, cosa occorre fare per recuperare?
Il caso Suarez avrà ripercussioni negative per un tempo lungo, avendo avuto una risonanza mediatica enorme. L’Università, tuttavia, ha reagito in queste ultime settimane nel modo giusto, tornando a promuovere eventi culturali di alto livello e a proporsi come luogo di dibattito e di riflessione. Basta visitare il canale YouTube di Unistrapg, in cui sono confluiti i numerosi eventi tenuti in streaming in questo periodo, per vedere la ricchezza del nostro lavoro per fare e promuovere cultura. Bisognerà poi mettere in campo strategie nuove di promozione della nostra offerta formativa, per far conoscere meglio i nostri Corsi di laurea e per rilanciare i Corsi di lingua e cultura italiana. Inoltre, nella speranza che nel prossimo autunno si possano riprendere stabilmente gli eventi in presenza, mi piacerebbe celebrare i cento anni dai primi corsi di Alta Cultura, iniziati nel 1921, chiamando a Palazzo Gallenga personalità di primo piano della cultura italiana e delle Istituzioni, per riaffermare l’importanza dell’Università per Stranieri di Perugia.   

Lei ha un programma di rilancio, sinteticamente cosa direbbe a chi dovrebbe votarla?
Direi di credere nelle potenzialità della Stranieri. Abbiamo un corpo docente composto da studiosi di livello e un corpo di dipendenti amministrativi in cui ho visto, anche in questi mesi di difficoltà, una grande dedizione al lavoro e un encomiabile senso di appartenenza all’Istituzione. I docenti di lingua e i CEL hanno garantito il funzionamento dei Corsi di lingua e cultura adattandosi a modalità nuove, hanno conservato il massimo impegno in una fase in cui sarebbe stato facile cedere alla sfiducia. Credo che il rilancio sia possibile innanzitutto perché vedo il grande patrimonio umano composto da chi lavora alla Stranieri. Rispetto alla mia candidatura e ai motivi per cui votarmi, posso solo dire che, se sarò eletto, garantirò il mio massimo impegno, cercando di coinvolgere tutti, docenti e amministrativi, nel lavoro di rinnovamento dell’Ateneo. 

Quali strategie per gli accordi internazionali e per rafforzare l’internazionalizzazione?
La Stranieri ha tanti accordi internazionali, alcuni anche recenti, ed è un patrimonio notevole. Certamente, dovremo mettere in campo strategie specifiche rispetto ad alcune aree. Penso alla Cina, dove le prospettive di crescita sono molte e la nostra attività ancora limitata, ma anche all’America Latina, dove l’interesse per la lingua e la cultura italiana è davvero molto diffuso. Abbiamo messo in cantiere, negli ultimi anni, alcuni importanti accordi con Università di paesi africani. Abbiamo accordi di doppio titolo con Università in Francia e Svezia. Dobbiamo tornare a promuovere con forza i nostri Corsi di lingua e cultura italiana in Europa. Però internazionalizzazione non vuol dire solo questo. Credo che, nel tempo in cui viviamo, la sfida dell’internazionalizzazione riguardi anche la capacità di realizzare una formazione realmente spendibile a livello internazionale. Se mi passa l’espressione, credo che dovremmo internazionalizzare i nostri studenti. Sarebbe una mancanza grave se non ci ponessimo il problema del lavoro per i nostri studenti, al termine del loro percorso di studi. Dobbiamo rafforzare il legame tra formazione e lavoro e per farlo occorre garantire una formazione innovativa, che comprenda l’acquisizione di capacità linguistiche, gestionali, digitali, di conoscenza delle dinamiche globali. Dobbiamo garantire ai nostri studenti, una volta laureati, di competere nel mondo del lavoro a livello nazionale e internazionale. È una sfida che considero prioritaria.

Commenti
    Tags:
    valerio de cesarisuniversità stranieriuniversità stranieri perugia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Arriva il caldo nel weekend Si va sopra i 25°. Ecco dove

    Meteo

    Arriva il caldo nel weekend
    Si va sopra i 25°. Ecco dove

    i più visti
    in vetrina
    How I Met Your Mother: ufficiale lo spin off con Hilary Duff, tutti i dettagli

    How I Met Your Mother: ufficiale lo spin off con Hilary Duff, tutti i dettagli


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari 812 Superfast, svelate le prime immagini

    Ferrari 812 Superfast, svelate le prime immagini


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.