A- A+
Culture
"Conforme alla gloria" di Paolin: romanzo in corsa per lo Strega
"Conforme alla gloria" di Paolin Demetrio

di Lucilla Noviello

A volte ci consoliamo credendo di aver lasciato il passato – e con esso tutta la storia – molto lontano da noi ma il romanzo di Demetrio Paolin, Conforme alla gloria, Voland editore, ci provoca e nuovamente ci propone gli antichi temi dei vinti e dei vincitori; di coloro che hanno contribuito a formare una parte della geografia politica della nostra terra. Così, in una sorta di romanzo storico che intreccia campi di concentramento, Europa degli anni Novecentottanta - e non solo - la storia dei protagonisti di Demetrio Paolin ripercorre gli argomenti della colpa, della salvezza, del perdono. Un percorso e una riflessione non nuovi per la letteratura italiana e occidentale. Però il libro di Paolin, pur essendo l’ennesimo romanzo in cui compaiono la questione ebraica e quella nazista, le vittime dell’olocausto e una terra di popoli che non hanno superato sempre gli errori di supremazia e intolleranza, diventa subito altro. Leggendo capiamo che il romanzo ha rotto gli schemi: è diventato quasi un’avventura; poi, mentre seguiamo la via del mistero di un grande tatuaggio e di quella del suo autore, ci accorgiamo di essere nuovamente altrove: dentro il pensiero di un personaggio. Come in un parco a temi  il territorio letterario di quest’opera scivola in qualcosa di differente apparentemente senza soluzione di continuità. Ma il principio e le caratteristiche di colui  che per liberarsi di un’ossessione ne fa patrimonio pubblico; raccontandola e assecondandola la condivide, rendono tale condivisione, che si trasmette ai carnefici, alle vittime e a tutti gli eredi del sangue versato, segno dell’unica possibile  realtà di un unico possibile genere umano, non solo di quello letterario. Un genere che sia nella vita sia nella letteratura si afferma proprio come condivisione del tutto. La lingua con cui è scritto il romanzo è a volte prolissa, ricca di elenchi, di allusioni e di citazioni; altre è invece sintetica ed epifanica. Il linguaggio esprime a sua volta una contraddizione, è quasi magmatico e diviene anche esso stesso un principio di condivisione del tutto: come significante – suono e forma – come significato – contenuto e trama. Noi intanto leggiamo e il risultato è che  ogni episodio ci appare come un ponte. Il mistero della tela,  quello dell’eredità; il mistero dell’innocenza, della paura, del male: ogni episodio ci rende lettori avidi e curiosi, tesi verso uno scioglimento che non c’è. E il linguaggio di Paolin asseconda, serrato e assillante, la nostra sete di lettura, che incredibilmente si fa gioiosa.

Demetrio Paolin, Conforme alla gloria, Voland editore. Pagg. 393. Euro 18,00

Tags:
"conforme alla gloria" demetrio paolin"conforme alla gloria" premio strega
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.