A- A+
Culture
Cultura, ecco quanto spendono le famiglie ogni mese. Divario Nord-Sud
Musei Vaticani di notte

Di Eduardo Cagnazzi

Si allarga la forbice tra Nord e Sud sulla spesa media mensile delle famiglie per cultura, spettacoli e ricreazione. Una differenza che, secondo un focus a Napoli su impresa e cultura nelle regioni del Sud a cura di Federculture va dai 203 euro del Trentino-Alto Adige e i 164,22 dell’Emilia Romagna ai 59 della Calabria e Basilicata e 72,52 della Sicilia. In questo contesto, la Campania guida le regioni del Sud Italia con una spesa media mensile in cultura pari a 98,45 euro. Pur essendo più alto anche di quelli medi delle macroregioni meridionali (84 euro) e delle isole (78 euro), il dato della Campania resta sempre al disotto della media nazionale, pari a 126,4 euro. Per macroarea, invece, il Nord Est la fa da padrone con 158,97 euro, seguito dal Nord Ovest e dal Centro rispettivamente con 152,26 e 128,6 euro. Più indietro il Sud con 84,38 euro e le isole con 78,3 euro. Anche per quanto riguarda la lettura il divario si allarga. La media di coloro che leggono almeno un libro all’anno è il 40,5%.

Valori più alti nel Friuli Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige con 54,3 e 53,4%, i più bassi si riscontrano in Puglia (27,2), Campania (26,3), Sicilia (25,8) e Calabria (25,1). Profondo divario anche per quanto riguarda le visite ai musei e mostre. Svettano ancora una volta Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Lombardia rispettivamente con 45, 41 e 40 persone su cento, fanalino di coda per Sicilia, Puglia e Calabria con 19,7, 19,4 e 15,2 visitatori. Meno marcato il divario per il teatro. Gli abitudinari sono i trentini (31,4 su cento) ed i laziali (26,3), meno frequentatori sono i molisani, sardi ed i pugliesi con una media di 14,5. Ultimi i calabresi con 11,9 persone. Svogliati al Sud anche i frequentatori di concerti.

La musica classica è seguita da 4,4 cittadini calabresi su cento, un punto in meno di siciliani e campani, mentre i lucani affiancano al terzo posto addirittura i friulani con 11,6 dietro i trentini con due punti in più. Questo quadro negativo è in parte bilanciato dall’andamento della fruizione culturale che nel 2016 rispetto all’anno precedente è in crescita in alcuni ambiti, anche più di quanto accada a livello nazionale. E’ il caso della fruizione museale. Aumentano del 4,2% i campani che vi si dedicano, crescono le visite a siti archeologici e monumenti con un incremento del 10,3% contro il 5,4% del dato nazionale. Sorprendente il dato di Sardegna (30,8 persone su cento) e Valle d’Aosta (32,1), al top di Friuli e Trentino Alto Adige e davanti il Lazio con 29,7. E’ preoccupante anche il dato sull’astensione culturale, vale a dire la percentuale di cittadini che nell’arco dell’anno non fruisce di alcun intrattenimento culturale. In Campania si registra il secondo valore più alto a livello nazionale, il 29,7% dei residenti non partecipa ad alcuna attività culturale. Fa peggio solo la Calabria con una percentuale del 34,8%, mentre il dato medio nazionale è del 18,6%.

 

Tags:
cultura spesa mensile famigliecultura famiglie spesa
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.