A- A+
Culture
“Di falsi sono pieni i musei”, parola di Harry Bellet
Raffaello Carabini

di Raffaello Carabini

I falsari esistono praticamente da quando esiste l’arte e non sono affatto personaggi geniali. “Se lo fossero stati si sarebbero cimentati nel realizzare opere innovative e creative e sarebbero diventati grandi artisti”, afferma deciso Harry Bellet, critico francese di fama, autore del bel volumetto Falsari illustri, da poco tradotto in Italia (Skira, pgg. 117, € 19). “Non sono delle persone perbene, benché le loro storie spesso affascinino la gente, come quelle di Arsenio Lupin oppure di Robin Hood.”

Ma che dire del giovane Michelangelo che, nel 1496, a 21 anni senza un fiorino, scolpì un Cupido dormiente alla maniera degli artisti dell’antichità greco-romana e lo seppellì tra le vigne fuori Firenze per dargli una patina antica? Un mercante amico lo vendette al cardinale Raffaele Riario, che però scoprì l’inganno. Alcuni dei suoi primi biografi affermarono che fu l’abilità nell’ingannare tutti con quella opera a convincere il mercante a far venire a Roma il Buonarroti.

Oppure delle botteghe, in primis quelle di El Greco e dei Bruegel, che sfornavano cinque o sei dipinti più o meno identici – dei multipli ante litteram – a quello originale del maestro, e sotto la sua supervisione, per piazzarli ai diversi committenti. Lo facevano in molti, e scoprire la differenza tra le copie prodotte dagli allievi e il quadro capostipite è oggi rovello dei critici.

copertina Falsari Illustri
 

Il vero e proprio boom dei falsi scoppiò insieme alla moda del grand tour, quando nel 700 tutti gli artisti e gli amanti dell’arte “dovevano” viaggiare lungo l’Italia al fine di trarre ispirazione e scoprire le opere più belle del mondo. E di portarsene in patria degli esemplari. Ne finirono talmente tanti nelle collezioni più importanti da lasciar ipotizzare che sicuramente una parte consistente sia stata realizzata da “artigiani” abili quanto fasulli. Tanto che – poiché la gran parte di quelle collezioni sono state vendute o regalate ai musei di mezzo mondo – pare condivisibile l’affermazione di Thomas Hoving, che nel 1997 disse che il 40% delle opere del Metropolitan Museum, di cui era direttore, sono false. E lo stesso vale a maggior ragione per istituzioni meno prestigiose.

Falsari illustri narra le vicende dei più famosi, da Han van Meegeren, che ingannò il gerarca nazista Goering con i suoi falsi Vermeer, a Eric Hebborn, che riempì Roma di disegni “rinascimentali” e morì assassinato sul Lungotevere, ma anche dallo scultore greco Pasitele che imbrogliava gli estimatori romani oppure il seicentesco Pietro della Vecchia, che realizzava perfetti Giorgione.

Però, dice Bellet, “i falsari veramente bravi non sono nel libro, perché non li conosciamo. Non c’è un gioco con l’investigatore, un desiderio narcisistico di venire scoperti, di dimostrare di essere il bravo capace di fare l’opera perfetta, un po’ come i serial killer. In realtà i falsari non si sono mai arresi di loro volontà. Non li considero comunque artisti con un vero stile, un vero talento. Ricordo che nel 500 i falsari venivano bolliti...”

Han van Meegeren lavora ai falsi Vermeer nel 1945

 

Commenti
    Tags:
    falsimuseiharry bellet
    in evidenza
    Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

    La ricerca sfata i luoghi comuni

    Iodio, non solo nell'aria di mare
    Come alimentarsi correttamente

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

    Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.