A- A+
Culture
Dina Luce è morta: addio alla regina della radio, voce soave ma ferrea
Dina Luce

Dina Luce, giornalista, scrittrice, conduttrice radiofonica e televisiva, è venuta a mancare due anni fa nel silenzio dei media

La notizia è arrivata come un lampo a ciel sereno: "Dina Luce se n'è andata". A comunicarlo è stato Mariano Sabatini, scrittore, giornalista e autore radiofonico e televisivo, che con Luce aveva lavorato.

"L'ho saputo soltanto oggi, nel silenzio generale", scrive Sabatini sulla sua pagina Facebook. Un silenzio  lungo quasi 2 anni, visto che la morte di Dina Luce è avvenuta il 22 giugno 2020. "Incredibilmente nessuno l'ha scritto. Lo faccio qui, ora, in grave ritardo, per rendere omaggio alla sua professionalità unica. Era stata la regina della radio, al fianco di Maurizio Costanzo nello storico Buon pomeriggio, poi mille altre trasmissioni, ore e ore di parole sempre dense, intelligenti, pensate. Una voce ferrea nella sua apparente soavità. E poi, libri, articoli, programmi televisivi." 

Raggiunto da Affaritaliani.it Mariano Sabatini ha spiegato: "Per caso oggi ho stretto amicizia con la nipote che mi ha dato la triste notizia, mi ha molto addolorato perché da lei e con lei ho imparato tanto. Anche cosa non fare. Per lungo tempo siamo stati assidui. Poi le strade si sono divise. Mi stupisce sempre come il mondo dello spettacolo e del giornalismo - lei era un premio Saint Vincent - siano smemorati con alcuni. Figli e figliastri. È un peccato perché Dina Luce è stata una firma importante. La ricorderò per sempre".

Dina Luce

 

Nata nel 1931, nome all'anagrafe Dina Del Fante di Castel Arcione, Dina Luce ha esordito nel gionalismo nel 1953, con Momento-sera, quotidiano politico-informativo. Dagli anni Sessanta ha collaborato con diverse testate nazionali, quotidiani e nazionali: L'Europeo, Oggi, Gioia, Il Tempo, Il Giornale, Noi, Consigli Pratici, Tuttosport, Avvenire e con Intimità.

Nel 1965 sbarca in radio curando la rubrica Zoom su incarico di Luciano Rispoli. Lavora a Teleobiettivo e cura diverse trasmissioni per i lavoratori italiani emigrati in Germania. Nel biennio successivo collabora con Il giornale delle donne che, nel 1969, diventerà Lei, settimanale radiofonico al femminile. È il 1968 quando intraprende un viaggio di 34 giorni per l'Australia con l'obiettivo di intervistare gli immigrati italiani. Nel 1970, e per tre stagioni, conduce il programma radiofonico Buon Pomeriggio, con Maurizio Costanzo.

Il 1971 vede l'esordio di dina Luce in televisione, con la conduzione di Ore 13 Ore 20 con Bruno Modugno. Conduce poi Insieme con Dina, talk show quotidiano su Telemontecarlo. Dopo essersi dedicata al lavoro di ufficio stampa nel mondo del teatro, e essersi presa una lunga pausa dal mondo televisivo, torna in tv nel 1996 con Confidenzialmente con Dina Luce.

Per Il Giornale diretto da Vittorio Feltri, dal 1994 al 1998, ha curato la rubrica Giochi di luce. Nel 2014 le viene intestata e diventa presidentessa della Fondazione Dina Luce, un'organizzazione no profit che sviluppa progetti solidali sul rispetto dei diritti umani e dell'ambiente.
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
dina luceraisara perinetto





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.