A- A+
Culture
Programma Erasmus+: cosa è stato e cosa sarà
erasmusplus

Il Programma Erasmus + è una porta aperta sull'Europa e sul mondo e rappresenta uno dei traguardi più tangibili dell'UE: sostenendo la mobilità per l'apprendimento delle persone e rafforzando la cooperazione tra istituzioni in tutta Europa, Erasmus + offre ogni anno opportunità senza precedenti per acquisire competenze trasversali, per l’ingresso nel mercato del lavoro, e per acquisire il senso di ciò che significa essere cittadini europei.  

Nel periodo 2014 – 2020 Erasmus+, con 34 paesi partecipanti e 14,7 miliardi di dotazione di bilancio, si è rivolto a 4 milioni di persone che hanno potuto formarsi, fare attività di volontariato e maturare esperienze professionali all'estero.

Nel settore istruzione e formazione professionale del Programma, con circa 43.000 partecipanti alle esperienze di mobilità transnazionale, realizzate dal 2014 ad oggi, l’Agenzia Nazionale Erasmus+ INAPP conferma di aver raggiunto importanti risultati in ambito VET, con 4.182 progetti presentati di cui 2.636 di Mobilità individuale e 1.546 di Partenariati Strategici, per un totale di 962 progetti finanziati.

A fronte di   300 milioni di euro stanziati per l’ambito istruzione e formazione l’Agenzia Erasmus+ di INAPP ne ha assegnati il 99%.

Il Programma ha pienamente raggiunto i suoi obiettivi, ottenendo eccellenti prestazioni di attuazione e un uso efficiente dei fondi, dimostrando il suo elevato potenziale per aumentare le performance e investire, di più e meglio, su quello che si è dimostrato l’elemento essenziale per creare un futuro migliore: i nostri giovani.

Negli ultimi tre decenni, più di 10 milioni di persone hanno partecipato al Programma e per molti di loro si è rivelata un’esperienza che ha cambiato  la vita, sebbene ad oggi, solo il 4% dei giovani aspiranti abbia avuto la possibilità di beneficiare di questa opportunità.

Per questo motivo per il periodo 2021 - 2027, la Commissione europea con il nuovo Programma Erasmus prevede l’aumento dei fondi a disposizione, con l’obiettivo di aumentare notevolmente il numero di beneficiari del Programma e dei partecipanti, raggiungere persone di ogni estrazione sociale, incrementare la mobilità e la cooperazione, sostenendo l'innovazione, la creatività, la transizione digitale nell’istruzione e di contribuire alla creazione dello spazio europeo dell’istruzione.

Per raggiungere questi obiettivi il nuovo Programma sarà più inclusivo, sostenibile e accessibile, anche per le organizzazioni attraverso un nuovo modo per accedere alle attività di mobilità: l’accreditamento.

L’accreditamento Erasmus è come una “tessera di appartenenza” per l’azione di mobilità del programma, alle organizzazioni basta essere accreditate una volta per ricevere finanziamenti nell’ambito dell’Azione chiave 1 durante i prossimi sette anni del Programma.

Commenti
    Tags:
    erasmuserasmus +erasmus + programmaerasmus plus programmaerasmus pluserasmus plus accreditamentoerasmus plus 2020erasmus plus cos'è
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?

    Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?


    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

    Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.