A- A+
Culture
Ferragosto, ricorrenza diventata rumorosa e spesso frustrante
Giannino di Lieto

Buongiorno Direttore e buon ferragosto. Ho piacere di proporle la pubblicazione, con qualche modifica introdotta, di un mio breve scritto sulla attualità dei tempi, sulla poesia, su mio padre.

Un cordiale saluto

Giovanni M. di Lieto

 

I tempi che viviamo, Giannino di Lieto, una scrittura poetica che rende lezione

di Giovanni Maria di Lieto (figlio dell’Autore)

 

Ferragosto, festa più mondana che letteraria, oggi purtroppo è diventata una ricorrenza rumorosa e spesso frustrante, legata al consumismo, e alla necessità di un divertimento fine a se stesso, che lascia più ricordi deludenti che percezioni di emozioni necessarie” (Ottavio Rossani).

L’Occasione va còlta all’opposto e non sprecata per ricordare Giannino di Lieto, una delle voci più significative del Secondo Novecento italiano.

Giannino di Lieto (1930 – 2006) è stato una figura esemplare della poesia italiana del Secondo Novecento, sempre incline allo smarcamento rispetto alle mode o alle tendenze imperanti (Massimo Migliorati).

“C’è un punto di riferimento concreto, preciso ed esemplare che è dato dall’intera opera di Giannino di Lieto. Sono qui particolarmente grato anche perché posso rendergli omaggio per tutta quanta quella lezione che la sua scrittura ha offerto a me come a tanti altri in trent’anni di attività poetica” (Giorgio Bàrberi Squarotti).

È stato un poeta che ha svolto un raffinato discorso in modo tutto proprio, al di là dei comuni moduli della poesia italiana. Alla ricerca della Poesia Nuova, di una propria visione della poesia, della parola, della storia (“Piccole grandi parti di vivere consumato per amore”).

“Sostituiamo al Particolare la Parola, verso, nome di cui il lettore si compiace per un imprevisto impresagito godimento interiore. L’Autore non deve chiedere altro. Perché se Poesia è un concetto di libertà, le è consanguineo il sentimento della non violenza” (G. di Lieto).

L’Autore torna a noi - oltre le Mode - con “Estate”:

Estate

stagione

delle nudità vive

dei labili incontri

vanità delle cose

cieche nella luce

persiane stese

bestemmie gridate

dai vapori alle barche

che portano limoni

noi ci ritroviamo

bambini

soli

sulle rive del giorno

con la mano piena

di fulgide conchiglie.

 

Giannino di Lieto
da “Opere”, Interlinea 2010

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ferragosto poesia





    in evidenza
    Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"

    L'intervento del direttore di Affari

    Impennate in moto e nozze con l'assassino, Perrino a Ore 14: "Siamo nella società dello spettacolo"

    
    in vetrina
    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

    Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


    motori
    Nuovo Nissan Qashqai: il crossover si rinnova

    Nuovo Nissan Qashqai: il crossover si rinnova

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.