A- A+
Culture
Francesco Messina, prodigi di bellezza: una grande retrospettiva a Vercelli
Estate (Summertime) 1989 marmo cm 96 x 140 x 66 courtesy Studio Copernico.

Francesco Messina, prodigi di bellezza: fino al 27 febbraio in mostra a Vercelli

La retrospettiva “Francesco Messina. Prodigi di bellezza”, visitabile fino al 27 febbraio, è un vero omaggio all’artista, nato a Linguaglossa, Catania nel 1900 e mancato a Milano nel 1995.

Messina ebbe un occhio acutissimo, sia per guardare alle opere del passato sia per giudicare ciò che lui stesso veniva realizzando.

“Ho affondato le radici nello studio degli antichi, ho sezionato cadaveri di uomini e di animali per impadronirmi della grammatica delle forme. Ho disegnato migliaia di nudi per scoprire i movimenti che determinano l’architettura plastica di una statua e che sognavo mi portassero a quella musica formale che non m’illudo di avere mai raggiunto. Ho assaggiato quasi tutte le materie… per immedesimarmi nei loro suggerimenti molecolari […], scrisse.

Si cimentò infatti con diverse tipologie di marmi - da quelli di un bianco immacolato a quelli che incorporano variegate striature o la presenza di cristalli luminosi - e di legni; utilizzò la creta, la pietra e il bronzo. 

All’ingresso dello spazio dell’ARCA si è accolti dal marmo “Bianca”, dedicato alla moglie: la figura in piedi, quasi ieratica, si tiene con le mani il drappeggio appoggiato sui fianchi. Nell’ampia navata dell’ex chiesa, che accoglie 80 opere, s’incontrano grandi marmi, bronzi di danzatrici e tra questi Carla Fracci, Luciana Savignano e Aida Accolla, giovinetti, sportivi e animali.

Tra i diversi ritratti, singolare il bronzo, del 1946, che ritrae Lucio Fontana. Testa e volto espressivi, curati nei minimi dettagli: dalle rughe della fronte increspata ai baffi e all’atteggiamento riflessivo con cui il grande artista italo-argentino pare interrogarci.

Chiude la mostra una sezione dedicata ai cavalli, che ci ricordano l’immagine del grande cavallo morente modellato nel 1966 per il Palazzo della Rai di Roma.

Il Palazzo Arcivescovile ospita una quarantina di opere a carattere sacro. Il percorso ha inizio dal bronzo del 1934 “Giobbe”, nudo e inginocchiato e con l’umile corda che gli cinge i fianchi. Tra i tanti lavori, sono esposti uno dei bozzetti in bronzo della grande statua di Pio XII (collocata in San Pietro in Vaticano) e quello di San Filippo Neri.

La visita ai lavori di Messina si conclude sul sagrato dell’ex chiesa di San Vittore, da cui si ammira la suggestiva “Estate”: il marmo, del 1989, raffigura una delicatissima e bella fanciulla nuda, i capelli a coda di cavallo, il corpo provocante quasi a simboleggiare il passaggio dall’adolescenza alla maturità.

Personalità poliedrica, artista colto, Messina ebbe un costante interesse per la poesia e la letteratura, vissuto nella frequentazione di alcuni dei più importanti poeti, scrittori, ma anche artisti del secolo scorso. Divenne amico di Salvatore Quasimodo, Eugenio Montale, Arturo Martini, Giorgio De Chirico e Carlo Carrà.

Francesco Messina. Prodigi di bellezza

18 dicembre 2021 – 27 febbraio 2022

Sedi a Vercelli:
ARCA, piazzetta S. Marco, 1 - orari: giovedì-domenica 10.00 - 19
Palazzo Arcivescovile piazza Alessandro d’Angennes, 5 - orari: giovedì - domenica 14 - 18
Ex Chiesa di San Vittore, Largo d’Azzo: vista dall’esterno

Prenotazione obbligatoria: mostre@gmail.com

Catalogo: coedizione Polistampa Firenze e Studio Copernico Milano.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
francesco messinamostrevercelli





in evidenza
Chi è Valentina Mira, la nuova Murgia candidata al Premio Strega

FdI contro il suo libro

Chi è Valentina Mira, la nuova Murgia candidata al Premio Strega


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.